Quattro bambini trovati vicino ai cadaveri delle rispettive madri.

Quattro bambini trovati vicino ai cadaveri delle rispettive madri.

08/01/2009


CICR

Gaza : L’esercito israeliano non presta soccorso ai feriti palestinesi, il CICR chiede d’urgenza l’accesso a questi ultimi.

Nel pomeriggio del sette gennaio quattro ambulanze della croce rossa palestinese assieme al comitato internazionale della croce rossa (CICR) sono riuscite ad ottenere per la prima volta accesso alle numerose case colpite dai bombardamenti israeliani nel quartiere di Zeitun a Gaza.

Il CICR aveva chiesto dal 3 di gennaio che le ambulanze potessero entrare nel quartiere in tutta sicurezza, ma solo il pomeriggio del 7 gennaio ha ottenuto  l’autorizzazione da parte delle forze milititari israeliane. In una di queste case, le equipe della croce rossa palestinese e del CIRC hanno  trovato quattro bambini vicino  ai cadaveri delle loro rispettive madri. Tanto deboli da non potersi alzare da soli. Un uomo è stato recuperato ancora in vita anch’esso troppo sfinito per poter stare in piedi. In totale 12 corpi giacevano su dei materassi.

In un’altra casa sono stati trovati 15 sopravvisuti all’attacco, tra essi molti feriti. In una terza  sono stati  recuperati altri tre corpi. I militari israeliani che occupavano una postazione a  circa ottanta metri dalla casa hanno ordinato all’equipe di lasciare la zona, cosa che i soccorritori si sono rifiutati di fare. Numerose postazioni delle forze di difesa israeliane e due tanks erano posizionate in prossimità dell’edificio…

«Questo fatto è scioccante», ha dichiarato Pierre Wettach, capo delegazione del CICR per Israele ed i territori palestinesi occupati. «I militari dovevano essere per forza al corrente della situazione, ma non hanno prestato soccorso ai feriti e non hanno fatto in modo che il CICR e la Croce Rossa palestinese potessero andare in loro aiuto».

I grandi Muri di terra innalzati dall’armata israeliana impediscono alle ambulanze di entrare nel quartiere. I bambini ed i feriti sono quindi stati trasportati con un carretto tirato da un asino per poter accedere alle ambulanze stesse. L’equipe di soccorso tornerà giovedì a cercare nuove spoglie.

Il CICR  e stato informato che ulteriori feriti hanno trovato rifugio in altre case distrutte del quartiere.  Ha chiesto all’esercito israeliano di permettere immediatamente a loro ed alle ambulanze della croce rossa palestinese di poter raggiungere in tutta sicurezza gli edifici per cercare altri feriti. Le autorità israeliane non hanno ancora confermato al CICR che autoirzzeranno l’’ingresso.

Il CICR ritiene che nel presente caso l’armata israeliana non ha rispettato l’obbligo di occuparsi dei feriti, evacuandoli, come è prescritto dal diritto internazionale umanitario e giudica inaccettabile il ritardo con il quale è stato dato  accesso ai servizi di soccorso.

Traduzione di Paola Robino Rizet

Fonte : http://www.info-palestine.net/article.php3?id_article=5749

 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"