Ragazzino palestinese perde la gamba dopo che soldato israeliano gli spara mentre recupera pallone da calcio

MEMO. Un ragazzo palestinese di 14 anni è stato sottoposto ad un’amputazione alla gamba dopo che un soldato israeliano gli ha aveva mentre recuperava un pallone da calcio vicino al Muro di separazione in Cisgiordania.

Un ragazzo palestinese di 14 anni è stato costretto a sottoporsi ad un’amputazione alla gamba dopo che un soldato israeliano gli ha sparato mentre recuperava un pallone da calcio vicino al Muro di separazione in Cisgiordania. Secondo la Defense for Children International (DCIP), il quattordicenne Mahmoud Salah del villaggio di Al-Khader stava giocando a calcio con gli amici. la sera del 21 maggio, quando è andato a recuperare la palla, ma un soldato israeliano gli ha sparato con munizioni letali e due altri si sono avvicinati e lo hanno preso a calci.

Prelevato da un’ambulanza circa 45 minuti dopo essere stato colpito, Mahmoud ha perduto conoscenza sulla strada verso l’ospedale. Il DCIP ha riferito: “Mahmoud è stato sorvegliato da soldati e ha appreso di essere stato sottoposto a due interventi chirurgici”.

“Il personale medico lo ha informato che la gamba sinistra gli è stata amputata al di sotto del ginocchio a causa di danni irreversibili al tendine”.

Il triste aggiornamento della ONG internazionale per i diritti dei bambini ha messo in relazione il fatto con una grave ferita inflitta a un altro bambino palestinese dalle forze israeliane.

Il 24 gennaio scorso, un agente israeliano sotto copertura sparò al quattordicenne Mohammad Qawasmeh, nel campo profughi di Shu’fat, nella Gerusalemme Est occupata, mentre il ragazzo stava andando a comprare generi alimentari.

“A causa della mia ferita ho subito un intervento chirurgico durante il quale i medici mi hanno rimosso la milza e ricucito lo stomaco, il rene e il diaframma. Sono rimasto nell’unità di terapia intensiva per quattro giorni”, ha dichiarato Mohammad.

Durante la sua permanenza in ospedale, “Mohammad è stato sorvegliato dalla polizia di frontiera israeliana e una delle sue braccia è stata ammanettata al letto”. Quattro giorni dopo essere stato colpito, le forze israeliane hanno interrogato Mohammad e lo hanno accusato di aver scagliato bottiglie molotov.

“Mohammad ha negato le accuse”, ha riferito il DCIP, “e ha rifiutato di firmare una dichiarazione in ebraico che l’interrogante gli aveva ordinato di firmare”. È stato rilasciato dalla detenzione il 31 gennaio e rimasto in ospedale fino al 3 febbraio per ulteriori trattamenti.

Secondo il DCIP, dal 2014 “le forze israeliane prendono sempre più di mira intenzionalmente i bambini palestinesi con armi letali, spesso durante le  proteste”.

Tra gennaio e maggio 2019, il DCIP ha documentato 55 casi di bambini palestinesi feriti da munizioni vere e proprie per mano delle forze israeliane.

Traduzione per InfoPal di Laura Pennisi

tag:

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"