Rapporto: Esercito israeliano ha un piano per dividere ed occupare la Striscia di Gaza

Gaza-MEMO. L’esercito israeliano ha preparato piani per un’invasione su larga scala della Striscia di Gaza, in caso di una grave escalation nel sud, secondo quanto afferma un rapporto pubblicato dal sito di notizie israeliano Ynet.

Il corrispondente Ron Ben-Yishai, citando ufficiali israeliani ma senza nominarli, ha scritto che l’esercito “sta già considerando alternative al governo di Hamas”, qualora quest’ultimo non cooperasse negli sforzi per stabilire un “accordo” di sicurezza economica a Gaza gradito dagli israeliani.

“C’è una sensazione nel comando meridionale dell’esercito israeliano che, questa volta, le IDF saranno in grado di creare un cambiamento considerevole nella situazione, se fosse necessario lanciare una grande campagna a Gaza”, ha scritto Ben-Yishai.

“Le missioni offensive all’interno della Striscia saranno effettuate, d’ora in poi, dall’elite delle divisioni d’invasione delle IDF, che – secondo il piano – entreranno a Gaza e la divideranno in due, e ne occuperanno parti significative”, ha continuato Ben -Yishai.

“Il piano si basa su tre elementi: una forte protezione del Negev occidentale e del fronte interno israeliano, attacchi sistemici in piena forza sin dal primo momento ed una rapida ed ampia manovra nella Striscia per dividerla e conquistarne delle parti”.

Secondo l’esperto di difesa, l’obiettivo dell’esercito israeliano “sarà impedire a Hamas e al Jihad islamico palestinese di ottenere risultati psicologici, e di convincerli a chiedere un cessate-il-fuoco il prima possibile dopo l’inizio dei combattimenti”.

Secondo quanto riferito, Israele cercherà di impedire il coinvolgimento di un mediatore terzo “raggiungendo [una] vittoria militare che sarà così decisiva e inequivocabile che permetterà ad Israele di dettare a Hamas e alle fazioni palestinesi le condizioni per la fine dei combattimenti”.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

tag: , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"