Rapporto Oic: ‘A Gaza, nessuna certezza di potersi curare’

Gaza – Safa. L'Organizzazione della conferenza islamica (Oic) ha avvertito: “La situazione sanitaria nella Striscia di Gaza è tornata a uno stato involutivo, vale a dire a non disporre di medicinali di base e la crisi di settore si è riacutizzata”.

I reparti di chirurgia pediatrica, cardiologia e oncologica sono quelli più colpiti, perché queste sono le patologie più gravi e maggioritarie tra la casistica locale.

Nel rapporto di Oic si rileva l'assenza di latte formulato per bambini e l'invito a rispondere alla crisi è stato rivolto alla Mezzaluna rossa palestinese e alle realtà per l'emergenza sanitaria del mondo arabo-islamico.

A giugno scorso, la Germania si era impegnata a finanziare importanti progetti per la costruzione e la manutenzione delle strutture igienico-sanitarie.

Le reiterate incursioni militari israeliane nel territorio palestinese assediato vengono chiamate in causa nel documento a dimostrazione di un'impossibilità di ripresa interna.

Nonostante lo sfortunato corso della Freedom Flotilla 2, ostacolata in tutti i modi dalla Grecia, sono aumentati i convogli umanitari.

A Gaza continuano i tagli all'elettricità e l'accesso all'acqua potabile resta improbabile. Gran parte delle acque territoriali sono contaminate.

Akmal Eddine Ihsan Oglo, segretario generale di Oic, ha promesso l'invio a Gaza di organizzazioni umanitarie.

(Foto: Safa)

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"