Rapporto settimanale del Pchr sulle violazioni israeliane nei Territori palestinesi

Rapporto del Pchr. Continuano i crimini sistematici da parte dei militari israeliani nei territori occupati della Palestina (oPt)
(14 – 20 gennaio 2016)

I militari israeliani continuano ad utilizzare una forza eccessiva nei territori dell’ oPt.

– 5 civili palestinesi sono stati uccisi in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza.
– un civile palestinese è morto e suo fratello risulta ferito dopo che i due sono stati investiti di proposito da dei coloni in Cisgiordania.
– 23 civili palestinesi, inclusi 7 bambini e una giornalista, sono stati feriti in Cisgiordania e nella Stricia di Gaza.

I militari israeliani aprono incessantemente il fuoco lungo le aree di confine della Striscia di Gaza e un civile palestinese è stato ferito nella zona est del quartiere di al-Shuja’iya
I militari israeliani hanno condotto 127 incursioni in differenti comunità palestinesi in Cisgiordania e 3 incursioni limitate a sud della Striscia di Gaza.

– 77 civili palestinesi, inclusi 4 bambini, sono stati arrestati.
– 6 di loro sono stati arrestati nella Gerusalemme occupata.

I militari israeliani continuano a prendere di mira i pescatori palestinesi nel tratto di mare che bagna la Striscia di Gaza.

– 2 pescatori sono stati arrestati e le loro barche da pesca confiscate.

Gli sforzi israeliani maggiori si concentrano nei territori ad Est di Gerusalemme.

– I militari israeliani hanno demolito una casa a Beit Hanina e obbligato i civili a demolire a loro volta una cascina per il bestiame.
– Coloni hanno scritto slogan razzisti sui muri di una chiesa.

Le attività di insediamento continuano in Cisgiordania

– 7 case e 9 cascine per bestiame e pollame sono state demolite, 47 alberi da frutto sradicati.

I militari israeliani hanno suddiviso la Cisgiordania in cantoni e continuato a imporre il blocco sulla Striscia di Gaza per il 9 anno consecutivo

– Decine di posti di blocco temporanei sono stati istituiti in Cisgiordania e altri sono stati ripristinati per ostacolare il movimento dei civili palestinesi.
– 4 civili palestinesi sono stati arrestati ai posti di blocco militari.
– Una donna anziana della Striscia di Gaza è stata arrestata, le è stato vietato di pregare nella moschea di Al-Aqsa.

Riassunto
Le violazioni da parte di Israele delle leggi e del diritto internazionale nei territori occupati della Palestina (oPt) proseguono durante il periodo dell’inchiesta (14 – 20 gennaio 2016).

Braccati
I militari israeliani hanno proseguito a commettere crimini, infierendo sulle vittime civili. Hanno anche continuato a esercitare un uso massiccio della forza contro i civili palestinesi, giovani in maggioranza, che partecipavano pacificamente alle marce di protesta in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza.
Durante il periodo dell’inchiesta, i militari israeliani hanno ucciso cinque civili palestinesi in Cisgiordania e nella Stricia di Gaza; tre di loro erano in Cisgiordania, mentre gli altri due nella Striscia di Gaza. Inoltre un civile palestinese è stato ucciso e il fratello minore ferito in un deliberato investimento da parte di un colono.
I militari israeliani hanno anche ferito 24 civili palestinesi, inclusi parecchi bambini e una giornalista. 11 di loro, inclusi tre bambini, si trovavano nella Striscia di Gaza mentre gli altri in Cisgiordania.
Per quanto rigurada la natura delle ferite, 11 civili sono stati colpiti da proiettili diretti e da shrapnel, proiettili per artiglieria, altri 11 sono stati colpiti con proiettili rivestiti di gomma e 2 sono stati colpiti con bombolette di gas lacrimogeno.
In Cisgiordania i soldati israeliani hanno ucciso tre civili palestinesi, ferendone altri 13, inclusi 4 bambini e una giornalista.

L’inchiesta completa è disponibile online al link
http://pchrgaza.org/en/?p=7757

Traduzione di Marta Bettenzoli

tag:

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"