Rapporto settimanale del Pchr sulle violazioni israeliane nei TO

Gaza-PCHR/Palestinian Centre for Human Rights. 

Rapporto settimanale sulle violazioni israeliane dei diritti umani nei Territori Palestinesi Occupati (24-30 gennaio 2019).

Le forze israeliane continuano i crimini sistematici nei Territori Palestinesi Occupati.

  • 3 civili palestinesi, tra cui un ragazzo e una ragazza, sono stati uccisi dalle forze israeliane e dai coloni in Cisgiordania.

– La ragazza è stata uccisa a un check-point militare, le FOI sostengono che tentasse di portare a temine un attacco con il coltello.

– 24 civili, tra cui un minore, sono rimasti feriti.

  • Le forze israeliane hanno continuato a far uso di forza eccessiva contro pacifici manifestanti nella Striscia di Gaza

– Un civile palestinese è stato ucciso e un altro è deceduto a causa delle ferite subite.

– 146 civili, tra cui 38 minori, 4 donne, un giornalista e 6 paramedici, sono rimasti feriti.

  • Le forze israeliane hanno continuato ad aprire il fuoco nelle aree di confine nella Striscia di Gaza.

– 2 civili palestinesi sono stati feriti nel nord e nel sud della Striscia di Gaza.

  • Le forze israeliane hanno condotto 72 incursioni nelle comunità palestinesi della Cisgiordania.

– 61 civili, tra cui 7 minori, sono stati arrestati.

– 2 civili palestinesi, del villaggio di al-Showkah, a est di Rafah, nella Striscia di Gaza meridionale, sono stati arrestati mentre tentavano di entrare di nascosto in Israele.

  • Le autorità israeliane hanno continuato a creare una maggioranza ebraica nella Gerusalemme Est occupata.

– Un edificio e 2 case sono state demolite.

– Un civile è stato costretto a demolire parti della sua casa a Wadi al-Jouz nel villaggio di Silwan.

  • Le autorità israeliane hanno proseguito le loro attività di insediamento in Cisgiordania.

– Le forze israeliane hanno demolito una casa in costruzione a sud di Nablus e confiscato 2 baracche, a sud est di Betlemme.

– I coloni israeliani hanno effettuato 6 attacchi. Un civile ha subito contusioni e 8 auto sono state danneggiate.

  • Si segnalano 9 attacchi contro i pescherecci in mare.
  • Le forze israeliane hanno diviso la Cisgiordania in cantoni e hanno continuato a imporre la chiusura illegale alla Striscia di Gaza per il 12° anno consecutivo.

– 103 check-point permanenti, 108 check-point temporanei e 14 strade chiuse ostacolano la circolazione dei civili palestinesi in Cisgiordania.

– 3 civili sono stati arrestati ai check-point militari in Cisgiordania.

Riassunto

Le violazioni israeliane al diritto internazionale e al diritto umanitario internazionale nei Territori Palestinesi Occupati sono continuate durante il periodo di riferimento (24-30 gennaio 2019).

Colpiti

Nella Striscia di Gaza, le forze israeliane hanno continuato a usare la forza letale contro i partecipanti alle proteste pacifiche organizzate lungo i confini della Striscia di Gaza, giunte alla 44° settimana, lungo la zona est e nord della Striscia di Gaza. Hanno anche continuato a usare la forza armata durante le incursioni in Cisgiordania.

In Cisgiordania, le forze israeliane hanno ucciso una ragazza e un ragazzo mentre un altro civile è stato ucciso dai coloni israeliani. Le forze israeliane hanno ferito 24 civili, tra cui un minore.

Nella Striscia di Gaza, le forze israeliane hanno ucciso un civile palestinese mentre un altro è morto a seguito delle ferite subite. 148 civili, tra cui 38 minori, 4 donne, un giornalista e 6 paramedici, sono rimasti feriti.

In Cisgiordania, in 2 diversi crimini per uso eccessivo di forza letale, le forze israeliane hanno ucciso un minore palestinese a Silwad, a nord-est di Ramallah. Dopo meno di 24 ore, i coloni israeliani hanno ucciso un civile palestinese a al-Moghair.

Traduzione per InfoPal di Edy Meroli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"