Report: il 95% dei nuovi prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane sono minorenni e giovani

MEMO. A dicembre sono aumentati drammaticamente gli arresti di massa israeliani contro i Palestinesi, ha rivelato giovedì la Commissione per gli Affari dei prigionieri palestinesi, facendo notare che il 95% dei nuovi detenuti sono giovani.

“Le violazioni delle forze israeliane e le misure arbitrarie contro i prigionieri trascurano le differenze di età”, ha sottolineato la commissione.

L’avvocato della commissione, Louay Akka, ha affermato che decine di nuovi prigionieri che sono recentemente arrivati ​​alla prigione israeliana di Ofer sono stati esposti a “attacchi brutali” durante il loro interrogatorio.

Akka ha citato alcuni degli avvocati dei prigionieri, spiegando che i loro clienti “sono stati brutalmente torturati durante la detenzione”.

“Ahmed Samirat, un palestinese di 17 anni di Yatta, nel distretto di Hebron, è stato violentemente attaccato e torturato da 12 soldati, che l’hanno lasciato privo di sensi per cinque ore”, ha detto il comitato palestinese.

I giovani detenuti torturati includevano i 15enni Ibrahim Al-Qawasmi e Louay Nashteh di Hebron, Wael Hashash, 19 anni, e Attallah Hashash, 24 anni, di Nablus, Ahmed Qassem, 19 anni, di Jenin, e Ahmed Abu Rahma, 17, di Ramallah.

Oltre 6.500 palestinesi, tra cui 300 minorenni, languono nelle prigioni israeliane, secondo le cifre ufficiali palestinesi.

tag: , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"