Report settimanale del PCHR sulle violazioni israeliane

PCHR – Palestinian Center for Human Rights.

Violazioni israeliane dei diritti umani nei Territori Palestinesi Occupati. Report del 03-09 dicembre 2020. 

  • Le IOF hanno sparato e ucciso dei Palestinesi, a nord-est di Ramallah
  • 19 civili palestinesi, tra cui 6 minori, sono stati feriti per uso eccessivo della forza da parte delle IOF in Cisgiordania e nella Gerusalemme est occupata
  • Si riportano 3 attacchi a fuoco contro terreni agricoli e altri 3 contro pescherecci nella Striscia di Gaza orientale e occidentale
  • Nelle 93 incursioni delle IOF in Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est occupata: 77 civili sono stati arrestati, inclusi 7 minori e una donna
  • Le IOF hanno demolito e confiscato 10 baracche a Ramallah e a Gerico e consegnato 9 avvisi di blocco della costruzione a Hebron
  • 9.000 unità di insediamento costruite sul terreno dell’Aeroporto Internazionale di Gerusalemme nella Gerusalemme est occupata
  • Attacchi dei coloni: hanno tentato di bruciare una chiesa nella Gerusalemme est occupata e tagliato e sradicato 90 alberi a Salfit
  • Le IOF hanno installato 61 check-point militari temporanei in Cisgiordania dove hanno arrestato 4 civili palestinesi

Riassunto.

Le forze di occupazione israeliane (IOF) hanno continuato a commettere crimini e violazioni a più livelli contro i civili palestinesi e le loro proprietà, compresi raid nelle città palestinesi caratterizzati da uso eccessivo della forza, aggressioni, abusi e attacchi ai civili. Questa settimana, in un nuovo crimine per uso eccessivo della forza letale, le IOF hanno ucciso un Palestinese durante la repressione di una protesta pacifica nell’area di Ras al-Teen vicino all’ingresso est del villaggio di al-Mughayyir, a nord-est di Ramallah. Il PCHR sottolinea il ripetersi di crimini simili, visto che lo staff del PCHR ha documentato l’uccisione di 22 civili palestinesi, tra cui 6 minori e una donna, da parte delle IOF dall’inizio del 2020 in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza. Inoltre, gli operatori sul campo del PCHR hanno monitorato e documentato gli attacchi delle IOF ai bambini durante la repressione delle proteste e durante le incursioni nelle città della Cisgiordania durante le ultime settimane.

Inoltre, le demolizioni di case e proprietà palestinesi da parte delle IOF sono continuate come annessione de facto di Israele e con vari pretesti in Cisgiordania e Gerusalemme Est.

Questa settimana, il PCHR ha documentato 180 violazioni della legge internazionale dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario (DIU) da parte delle IOF e dei coloni nei Territori Palestinesi Occupati. Va sottolineato che le limitazioni dovute alla pandemia di coronavirus, hanno limitato la mobilità degli operatori del PCHR sul campo e la capacità di acquisirne la documentazione; pertanto, le informazioni contenute in questo rapporto sono solo una parte delle continue violazioni delle IOF.

Attacchi a fuoco delle IOF e violazione del diritto all’integrità fisica:

Le IOF hanno ucciso un minore palestinese e ferito altri 19 civili, tra cui 6 bambini, per uso eccessivo della forza in Cisgiordania e nella Gerusalemme est occupata. Il 4 dicembre 2020, “Ali Ayman Naser Abu” Alia (14 anni) è stato ucciso e altri 4 civili sono rimasti feriti durante la repressione di una protesta pacifica nella zona di Ras al-Teen vicino all’ingresso est del villaggio di al-Mughayyir, a nord-est di Ramallah. Le IOF hanno ucciso il ragazzino  senza giustificazione e senza che rappresentasse una minaccia per la vita dei soldati.

Inoltre, 2 civili sono stati feriti durante l’incursione delle IOF a Nablus; 7 civili sono stati feriti, fra cui 2 bambini – uno ha riportato ferite all’occhio, nella Gerusalemme est occupata; 2 civili sono stati feriti a Gerico; e altri 4 sono stati feriti nel campo di Dheisheh a Betlemme.

Nella Striscia di Gaza, si segnalano 3 attacchi a fuoco delle IOF contro terreni agricoli e altre 3 contro pescherecci nella Striscia di Gaza orientale e occidentale.

Traduzione per InfoPal di Edy Meroli

tag: ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"