Report settimanale del Pchr sulle violazioni israeliane nei TO

PCHR-Palestinian Centre for Human Rights. Le forze israeliane continuano i crimini sistematici nei Territori Palestinesi Occupati
(16-22 maggio 2019).
  • Otto civili palestinesi, tra cui 3 minori, sono stati feriti nel nord della Cisgiordania.
  • Le forze israeliane hanno condotto 55 incursioni nelle comunità palestinesi della Cisgiordania e altre 6 incursioni a Gerusalemme.
– 47 civili palestinesi, tra cui 12 minori, sono stati arrestati in Cisgiordania.
– Diciotto di loro, tra cui 10 minori, sono stati arrestati nella Gerusalemme occupata.
  • Le autorità israeliane hanno proseguito le loro attività di insediamento in Cisgiordania.
– Una tenda residenziale è stata demolita e confiscata nel villaggio di Sosiya, a sud di Hebron, per la quarta volta.
  • Le autorità israeliane hanno continuato a creare una maggioranza ebraica nella Gerusalemme Est occupata.
– Le forze israeliane hanno impedito ai fedeli palestinesi di effettuare l-I’tikaf (giorni passati in una moschea per pregare) e hanno intimato loro di lasciare la moschea di al-Aqsa.
  • Sono stati segnalati cinque attacchi a fuoco contro le barche da pesca nel Mare della Striscia di Gaza.
  • Le forze israeliane hanno suddiviso la Cisgiordania in cantoni e hanno continuato a imporre la chiusura illegale alla Striscia di Gaza per il 13° anno consecutivo.
  • Le forze israeliane hanno istituito 92 check-point permanenti e 134 check-point temporanei in Cisgiordania.
  • Quattro civili palestinesi sono stati arrestati presso i check-point militari in Cisgiordania.
Riassunto.
Le violazioni israeliane del diritto internazionale e del diritto internazionale umanitario nei Territori Palestinesi Occupati sono continuate durante il periodo di riferimento (16-22 maggio 2019).
Colpiti
  • Durante il periodo di riferimento, le forze israeliane hanno continuato a far uso di forza letale contro i partecipanti alle proteste pacifiche organizzate lungo i confini della Striscia di Gaza. In Cisgiordania, le forze israeliane hanno ferito 8 civili palestinesi, tra cui 3 minori. Cinque di loro, tra cui 2 minori, sono stati feriti nel nord della Cisgiordania, mentre altri 3, tra cui un minore, sono rimasti feriti nel sud della Cisgiordania. Nella Striscia di Gaza, le forze israeliane hanno continuato a intensificare i loro attacchi contro i pescatori palestinesi e a colpire i loro mezzi di sostentamento.
  • In Cisgiordania, a causa dell’uso eccessivo della forza letale contro i partecipanti alle proteste pacifiche, le forze israeliane hanno ferito 5 manifestanti, fra cui 2 minori, mentre partecipavano alla protesta settimanale di Qaddoum, a nord-est di Qalqiliya. Detta protesta è stata organizzata venerdì 17 maggio 2019 e sabato 18 maggio 2019.
  • Il 21 maggio 2019, le forze israeliane hanno aperto il fuoco contro Mahmoud Husain Salah (di 15 anni), del villaggio di al-Khader, a sud di Betlemme, mentre si trovava vicino al muro dell’annessione che circonda il villaggio. Mahmoud è stato colpito da 2 proiettili agli arti inferiori. I soldati allora lo hanno arrestato e portato allo Shaare Zedek Medical Center a Gerusalemme Ovest per esssere curato.
  • Il 22 maggio 2019, le forze israeliane hanno ferito 2 manifestanti quando sono entrati nel campo profughi di al-Duhisha, a sud di Betlemme, per effettuare una campagna di arresti. Hanno poi sparato contro decine di giovani palestinesi che protestavano contro di loro.
  • Riguardo al colpire i pescatori palestinesi in mare, le forze israeliane hanno continuato a intensificare i loro attacchi contro i pescatori palestinesi, indicando che l’attuale politica israeliana colpisce i loro mezzi di sostentamento. Durante il periodo di riferimento, il PCHR ha documentato 5 attacchi: 3 al largo della Striscia di Gaza settentrionale e 2 al largo della Striscia di Gaza meridionale.
Traduzione per InfoPal di Edy Meroli

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"