“Rifiutare di prestare servizio nell’esercito è il mio piccolo atto di cambiamento”

972mag.com. Di Oren Ziv.

Hillel Rabin ha trascorso 56 giorni in una prigione militare per essersi rifiutata di prestare servizio nell’IDF. Ora si apre sul suo tempo dietro le sbarre, conversazioni con i suoi compagni di reclusione, parlando con i giovani israeliani dell’occupazione.

Mentre Hallel Rabin si trovava davanti al comitato degli obiettori di coscienza dell’IDF due settimane fa, l’organismo militare che doveva decidere se sarebbe stata rimandata o meno in prigione per essersi rifiutata di prestare servizio nell’esercito, le è stata posta la domanda più strana: “Indosseresti l’uniforme dell’esercito se fosse rosa?”

“Non ho problemi con il colore”, ha risposto, “Ho problemi a indossare un’uniforme militare, indipendentemente dall’esercito”. Obiettore di coscienza, Rabin era ancora in prigione militare per essersi rifiutata di prestare servizio a causa delle politiche di occupazione dell’esercito. Il 20 novembre si è concluso il quarto periodo di Rabin nella prigione militare; il giorno dopo l’esercito le diede ufficialmente il congedo che aveva voluto. Ha servito un totale di 56 giorni dietro le sbarre.

Rabin, 19 anni, del Kibbutz Harduf, nel nord di Israele, è stata incarcerata per la prima volta ad agosto dopo essere comparsa davanti al comitato per chiedere l’esenzione. È stata processata e condannata a due diversi periodi di incarcerazione, incluso durante il Rosh Hashanah, il capodanno ebraico. Al suo rilascio la scorsa settimana, Rabin pensava che sarebbe tornata a casa per un breve periodo prima di un’altra sentenza. Ma quando ha acceso il telefono, ha ricevuto un messaggio dal suo avvocato, l’avv. Asaf Weitzen, che l’ha informata che la commissione aveva accettato la sua richiesta e che sarebbe stata rilasciata.

Come ha detto a Orly Noy in ottobre, Rabin è stata cresciuta da una madre che insegnava educazione civica e ha iniziato a porsi domande sulla realtà in Israele sin dalla giovane età. All’età di 15 anni sapeva che non sarebbe stata in grado di arruolarsi nell’esercito, dal momento che farlo va “contro i miei ideali più basilari e che non posso sostenere tali politiche violente”.

Meno di una settimana dopo il suo rilascio, Rabin deve ancora abituarsi alla vita fuori dal carcere. Si sveglia ogni giorno alle sei, come richiesto dall’interno, e risponde alle centinaia di messaggi che riceve regolarmente da tutto il mondo. L’ho incontrata questa settimana ad Harduf per una conversazione sul rifiuto di prestare servizio nell’esercito, il suo tempo dietro le sbarre e la possibilità di parlare con i giovani israeliani del rifiuto.

Come sei finita in prigione? Com’era il tuo rifiuto?

“Il giorno del mio arruolamento, sono arrivata alla base di coscrizione sapendo che sarei andata in prigione. Quello era il mio obiettivo, ma non capivo davvero come farlo. Ho iniziato il processo di coscrizione ma non sapevo a chi rivolgermi [per rifiutare]. Mi sono seduta su una sedia e ho proclamato ad alta voce:

“Ho bisogno che tu porti qualcuno che saprà dirmi cosa fare. Sono un obiettore di coscienza e devo andare in prigione e non diventerò un soldato.

“Alla fine, una brava donna mi ha portato in un ufficio dove ho firmato un documento dicendo che mi rifiutavo di servire. Ho trovato divertente che il mio obiettivo fosse andare in prigione, e che una volta lì sarei stato nel posto giusto”.

Rabin è stata inizialmente condannata a sette giorni ed è stata mandata nel reparto femminile della prigione – una prigione militare nel nord di Israele. “È stato il giorno più lungo ed estenuante della mia vita”, racconta. “Mi ci sono voluti tre giorni per capire cosa stava succedendo, come rispondere [alle autorità della prigione], come muovermi. Ho imparato velocemente”.

Com’è stato il tuo tempo in prigione?

“È stata un’esperienza pazzesca. Ero in una cella con un agente della polizia di frontiera, una donna che ha prestato servizio a un posto di blocco, due donne che si sono rifiutate di prestare servizio come operatori di monitoraggio della sorveglianza, una donna che aveva attaccato il suo comandante e un ufficiale di polizia militare che è diventata AWOL (disertore, ndr). In totale eravamo sei.

“La prima domanda che mi hanno fatto è stata ‘Perché sei qui?’ Ho detto loro, esitante: ‘Sono un obiettore di coscienza’. Hanno subito iniziato a fare tutte le domande ben note: ‘Sei di sinistra? Sei filo-palestinese? “Durante la mia prima frase ho imparato a vivere da obiettore di coscienza. Ogni volta che c’era un nuovo gruppo di ragazze o tornavo [in prigione], l’argomento suscitava polemiche e molte discussioni”.

I soldati e i comandanti in prigione ti hanno parlato della tua decisione di rifiutare il servizio di leva?

“Non c’è un soldato che non abbia ascoltato la mia storia. Anche i comandanti erano interessati. C’era un agente che mi ha detto che apprezza la mia decisione e mi ha persino lodato. Questa è stata una delle conversazioni importanti che ho avuto: qualcuno dall’interno del sistema ha capito perché ho fatto quello che ho fatto e lo ha apprezzato.

“Non ho litigato con nessuno in prigione. Era una pratica per il mio ego, per la mia capacità di avere una conversazione, per la mia capacità di essere socialmente flessibile. Essere in una posizione in cui le persone non sono d’accordo con me e in cui mi sento a disagio – quasi minacciata – ma essere d’accordo con questo”.

Rabin è stata rilasciata dopo cinque giorni e rimandata a casa, dove ha trascorso le successive 2,5 settimane. “Ci vuole più tempo per abituarsi a casa. In prigione c’è ordine in tutto, poi all’improvviso vieni rilasciato. È fonte di confusione”, dice. “La cosa più difficile di tornare a casa è tornare in prigione”.

Quando è tornata alla base della coscrizione a Tel Hashomer, è stata condannata ad altre due settimane di prigione: una settimana per rifiuto di prestare servizio e un’altra per assenteismo. Come altri obiettori di coscienza, dopo ogni periodo in carcere ha ricevuto un’altra convocazione alla base ed è stata ripetutamente condannata.

Come hai trascorso il tempo?

“Ho letto otto libri, tra cui ‘Il femminismo è per tutti’ [di Bell Hooks] e ‘Nonviolence Explained to My Children'[di Jacques Semelin]. I miei amici Hillel e Tamar, anche loro obiettori di coscienza, mi hanno detto quasi scherzando che il mio compito era trovare somiglianze tra femminismo e obiezione di coscienza”.

Prima del suo terzo periodo in prigione, Rabin ha deciso di rendere pubblico il suo rifiuto con l’aiuto di Mesarvot, una rete di base che riunisce individui e gruppi che si rifiutano di arruolarsi nell’IDF per protestare contro l’occupazione. “All’inizio, speravo che non ci sarebbe stato alcun motivo valido per rivolgermi ai media. Avevo sperato di essere dimessa dal comitato degli obiettori di coscienza. Pensavo che tutto sarebbe finito dopo la mia prima frase”, spiega.

Anche prima della sua data di arruolamento, Rabin ha cercato di rivolgersi al comitato degli obiettori di coscienza, che ha prontamente respinto la sua richiesta di esenzione. Durante il suo primo periodo di incarcerazione, ha presentato ricorso e ha aspettato che i militari tornassero con i motivi per cui è stata incarcerata. Quando le discussioni sono arrivate in ritardo, ha deciso di rivolgersi ai media. Dopo la sua terza volta in prigione, Mesarvot ha organizzato una manifestazione a sostegno di Rabin fuori dalla base di coscrizione. È stata condannata a 25 giorni. Tra il terzo e il quarto periodo di incarcerazione, Rabin doveva avere la sua seconda udienza davanti al comitato degli obiettori di coscienza dell’IDF.

Qual era la differenza tra il primo e il secondo comitato?

“La seconda volta è stata più lunga, sono andati in profondità nei dettagli. Il primo comitato mi ha posto domande per provare a dimostrare che il mio rifiuto era politico e basato sull’obiezione di coscienza piuttosto che sul pacifismo [l’IDF ha storicamente fatto una distinzione tra coscritti che possono dimostrare di essere “pacifisti non politici” e coloro che rifiutano per servire su ciò che l’esercito ritiene ragioni “politiche”, come l’opposizione specifica all’occupazione israeliana. Nonostante le difficoltà, i coscritti che possono dimostrare di essere i primi hanno maggiori possibilità di ricevere esenzioni].

“Nella seconda udienza della commissione mi hanno chiesto perché non indossavo la mia uniforme militare. Ho spiegato che ero venuta da casa mia e che comunque mi ero rifiutata di arruolarmi come obiettore di coscienza, motivo per cui non ho mai ricevuto l’uniforme. Anche se mi chiedessero di indossarla, non la metterei mai. Stanno cercando di capire se il rifiuto è politico o guidato dal pacifismo, come reagisci alle situazioni di violenza e come si presenta il tuo stile di vita”.

Cosa hai detto?

“Ero più preparata [la seconda volta]. Cinquanta giorni di prigione, conversazioni quotidiane sull’argomento e interviste con i media mi hanno aiutato a spiegarmi.

“Ho detto che non ero disposta a prendere parte in alcun modo a un sistema la cui vera essenza è basata sulla lotta e sull’oppressione violenta. Credo che questo debba cambiare, e questo è il mio modo di fare il cambiamento. Questo è il mio piccolo atto. Ho aggiunto che sono vegetariana da sempre, compro vestiti di seconda mano e sono contraria allo sfruttamento, al capitalismo e al sessismo”.

Senti che il comitato ha capito che un oppositore pacifista che si oppone alla violenza sarà anche contro l’occupazione?

“Li sconvolge. È difficile per loro. Sono quattro membri dell’esercito e un professore di educazione civica. Tutti loro hanno 50 anni o più e hanno dedicato la loro vita a raggiungere posizioni elevate [nell’IDF], e io sono una ragazza di 19 anni che dice loro ‘questo non va bene’. Sono sicura che sia così. E’ personalmente difficile per loro. Non mi arruolerei nell’esercito svizzero, ma vivo qui e dovrei prestare servizio nell’esercito che commette questi atti. Mi oppongo all’occupazione perché è violenta, oppressiva e razzista”.

Durante la sua seconda udienza in commissione, i membri hanno mostrato a Rabin una foto di se stessa che prendeva parte alla protesta di Mesarvot fuori dalla base di coscrizione, avvenuta poco prima che fosse incarcerata per la terza volta. La foto la mostrava con in mano un cartello che diceva “Mesarvot”[1] e “Rifiutare l’occupazione è democrazia”.

“Mi hanno chiesto cosa significasse il cartello”, dice Rabin. “Ho detto che è legittimo opporsi a questioni che si sono trasformate in argomenti tabù – che opporvisi è democratico”.

Gli attivisti di Mesarvot hanno detto a +972 che, nell’ultimo semestre, il comitato degli obiettori di coscienza ha reso molto più difficile ricevere un’esenzione per motivi di coscienza e ricevere spiegazioni quando le richieste di discarico vengono respinte. L’organizzazione spera che il congedo di Rabin porti a un cambiamento in questa politica.

Ritieni che sia possibile parlare con gli adolescenti dell’occupazione?

“Non si tratta di età. Non ho bisogno di aspettare che metà della mia vita sia alle spalle per lottare per i miei principi… non è un male che dica ad alta voce che andare al comitato degli obiettori di coscienza è un’opzione legittima e che è possibile pensare per se stessi. Anche la prigione non è male. È pesante ma non me ne sono andata con una sensazione di ansia o con la voglia di morire”.

Che tipo di risposte hai ricevuto dopo il tuo rilascio?

“Molte persone mi hanno raggiunta da Israele e da tutto il mondo. Alcune mi hanno maledetto. Altri hanno scritto che [il mio rifiuto] è stato fonte di ispirazione e porta la speranza che ci siano adolescenti che difendono ciò in cui credono. Anche i palestinesi mi hanno scritto dopo che [la mia storia] è stata pubblicata in Turchia. Qualcuno di Tulkarem ha scritto che apprezza il mio atto e spera che un giorno berremo un caffè insieme e parleremo della vita”.

Traduzione per InfoPal di L.P.

[1] in ebraico, la forma femminile di “obiettori”

 

tag: , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"