Sabra e Chatila, affinché non ce ne dimentichiamo

sabra041Avoicefrompalestine. Il 16.09.1982, l’esercito israeliano controllava Beirut Ovest e sigillava i due campi profughi palestinesi di Sabra e Shatila e vi lanciava missili all’interno. Dopo, il comando militare israeliano dava alla milizia della Falange Libanese, alleata di Israele, luce verde per entrare nei campi. Nelle successive 40 ore la Falange stuprò, uccise e ferì un vasto numero di civili disarmati, molti dei quali bambini, donne e anziani dentro i campi di Sabra e Chatila “circondati e sigillati”.

Tali azioni, accompagnate e seguite da retate sistematiche appoggiate o rinforzata dall’esercito israeliano, che portarono a decine di desaparecidos. Durante il massacro, l’esercito israeliano impediva ai civili di scappare dai campi e li illuminava nella notte con razzi lanciati nel cielo da elicotteri e mortai.
sabra39Il numero delle vittime varia tra le 700 (dai ufficiali israeliani) e i 3.500 (nell’inchiesta lanciata dal giornalista israeliano Amnon Kapeliouk). Non fu mai possibile determinare la cifra esatta poiché, in aggiunta alle circa 1.000 persone sepolte in fosse comuni dalla Croce Rossa internazionale o in cimiteri a Beirut da familiari, la maggior parte dei cadaveri sotto gli edifici distrutti dai bulldozer della milizia. Inoltre, centinaia di persone furono portate via vie in camion verso destinazioni ignote e non fecero più ritorno. (1)

 

 

 

(1) http://www.electronicintifada.net

Testimonianze: qui

sabra0141

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"