Scrittore e attivista giornalista chiede supporto

Da Parallelo Palestina. Abbiamo ricevuto la segnalazione da Guido Veronese, Professore Associato in Psicologia Clinica, Università di Milano-Bicocca.

……………………………………..
Ahmed, 25 anni, è laureato presso l’Università Al-Azhar nella città di Gaza in letteratura inglese. Nato nella comunità di Gaza nel centro di Deir Albalah, il suo sogno è far progredire la causa dei diritti umani palestinesi e raccontare il “volto umano” dell’occupazione israeliana. Ahmed è uno scrittore e attivista giornalista. È project manager di We Are Not Numbers.
Il 10 giugno ha ricevuto un’email che stava aspettando da molto tempo. È stato selezionato per il Chevening Award. Per coloro che non conoscono Chevening, si tratta di una borsa di studio molto selettiva e prestigiosa per la laurea ed è supportata dal governo del Regno Unito. Essere selezionati per questo eccezionale premio è un grande onore e richiede un sacco di duro lavoro e perseveranza.
“Il giorno in cui ho ricevuto questa e-mail avrebbe dovuto essere il miglior giorno della mia vita perché avrebbe potuto essere un punto di svolta enorme nella mia vita… tuttavia, si è rivelato un giorno molto doloroso, forse il peggiore della mia vita.
Prima di dirvi perché quel giorno è risultato essere cupo, dovrò portarvi indietro di 7 mesi, a quando ero in Egitto. Era il 3 novembre e partecipavo al World Youth Forum: è stata una delle migliori esperienze della mia vita. Mentre ero lì, avevo fatto domanda per il premio Chevening ed ero pieno di speranza. Pensavo che se fossi stato selezionato per questa borsa di studio, la mia vita e il mio futuro sarebbero cambiati per sempre. Sapete benissimo quanto sia faticoso fare domanda per una borsa di studio. Poco dopo essere tornato da Sharm Al-Sheik nella mia casa al Cairo, il 6 dicembre, è successo qualcosa di molto terribile: un ufficiale egiziano mi ha accusato di aver commesso un crimine che non ho mai commesso. Sebbene fosse molto chiaro per lui che non avevo mai commesso il crimine, mi ha detto in modo schietto: “So che non sei un criminale, sei piuttosto la vittima, ma sei un palestinese e odio i palestinesi Questa nazionalità è sporca e F *****, e solo perché sei un palestinese, non ti lascerò andare. Mi hanno buttato in prigione, tra criminali e spacciatori di droga. Ed è stato orribile.
L’altro giorno sono stato mandato in tribunale per presentarmi al giudice. Il giudice ha stabilito che dovrei essere rilasciato su cauzione, 20.000 sterline. Ho pagato pensando di tornare a casa presto. Ma poi ho passato un altro mese in prigione per controlli di sicurezza e indagini, prima di essere deportato a Gaza. Sono stato in 5 diverse prigioni, e ho dormito per terra, al gelo, affamato, maltrattato e umiliato oltre misura. Avrei voluto che tutto questo fosse finito al mio ritorno a Gaza. La cosa peggiore è che mi hanno portato via il passaporto, la carta d’identità, tutti i miei certificati ufficiali e i documenti. Pensavo che non sarebbe stato un grosso problema perché avrei potuto ottenere un nuovo passaporto una volta tornato a casa. E lì è iniziato invece il mio vero problema.
Arrivato a casa, sono immediatamente andato al ministero degli Interni per richiedere una nuova carta d’identità e il passaporto. Avrei potuto ottenere così facilmente il mio nuovo documento di identità ma sono rimasto scioccato nel sapere che non potevo nemmeno richiedere un nuovo passaporto. Sono stato in molti uffici addetti al rilascio dei passaporti, ma tutti hanno detto la stessa cosa: “Non possiamo aiutarti in questo caso”. Alla fine ho realizzato la triste realtà: se sei residente a Gaza e hai perso il passaporto, non ne avrai mai uno nuovo.
Il 4 febbraio, ero stato selezionato per far parte della conferenza AMENDS a Tunisi. AMENDS è un’organizzazione americana che ogni anno tiene una conferenza e dà l’opportunità ai giovani di raccontare la propria storia di successo, di pace e di creatività. Era una notizia straordinaria, tranne che ero senza passaporto. E non avevo nessuno ad aiutarmi.
Nel corso degli ultimi 6 mesi, ho cercato in tutti i modi un ufficio che mi  aiutasse ad inviare la mia domanda di passaporto al ministero degli Interni di Ramallah, e alla fine ne ho trovato uno. Ho fatto domanda, ho pagato i 400 NIS di tasse, ho giurato di aver perso il passaporto precedente e ho aspettato la loro risposta. Normalmente un passaporto impiega circa una settimana ad essere rilasciato. Ho aspettato una settimana e due e tre… niente. Poi altri due mesi, senza avere alcuna notizia del mio passaporto.
Il 20 maggio, ho ricevuto una telefonata dal consolato britannico che mi informava di essere stato selezionato per partecipare a una conferenza sulla libertà dei media a Londra, a luglio. Ero molto felice. Ero uno dei pochi in Palestina ad essere stato selezionato. Amo molto Londra e finalmente, pensavo di poterci andare. Ma poi, di nuovo: sono senza passaporto!
Sono impazzito! Letteralmente. Dovevo trovare una soluzione. Ho iniziato a parlare con ogni persona che avrebbe potuto aiutarmi. Ho contattato persone che non conoscevo, funzionari a Ramallah, ambasciate straniere, leader di Fateh, ambasciatori esteri. NESSUNO mi aiutava.
Ero a pezzi. Cosa avrei dovuto fare? Cosa posso fare? Potevo solo aspettare e aspettare…
Quando ho ricevuto l’e-mail da Chevening, ho letteralmente perso la testa. E sono diventato nervoso. Da un lato, mi ha fatto piacere che Chevening avesse visto in me un candidato idoneo e abbastanza adatto a ricevere questa borsa di studio. Ma, d’altra parte, ero devastato dal fatto che non sarei stato in grado di ottenerla. È difficile vedere i tuoi sogni sgretolarsi davanti ai tuoi occhi, ma la cosa più difficile è sapere che non è Israele, né l’Egitto che te li stanno distruggendo, questa volta, ma è il tuo governo, le persone che dovrebbero servirti meglio.
Secondo il piano dei miei insegnanti, ho scelto di studiare giornalismo, non perché mi piacerebbe essere giornalista ma per assolvere una semplice responsabilità nei confronti del mio paese, per il fatto che mancano professionisti di giornalismo in Palestina. Mi stanno uccidendo due volte perché voglio servire il mio paese, e perché è il mio paese a spezzarmi le ali…
Ora sono totalmente indifeso e distrutto. Ho provato tutto quello che era in mio potere, ed è stato inutile. Mi trovo solo a scrivere queste parole e le indirizzo a tutti quanti vorranno ascoltarmi. Spero di riuscire a condividerle con un funzionario a Ramallah che possa capire il dolore che provo e mi aiuti.
Per contatti: parallelo.palestina@gmail.com
Chiarimenti:
Il supporto è a un ragazzo che HA VINTO UNA BORSA di studio CHEVENING (Fondazione inglese che finanzia borse di studio in UK) e che consente di essere inclusi in Master dell più prestigiose università inglesi.
Il suo è stato l’ennesimo di più dinieghi a viaggiare per raggiungere l’Inghilterra.
NON chiede altro supporto se non che la sua storia venga raccontata e diffusa e chi può possa facilitarlo nella sua richiesta di giustizia (petizioni, consigli, invitandolo a raccontare la sua storia in contesti pubblici).
Guido Veronese (Ph.D.),
Associate Professor in Clinical Psychology,
Family Psychotherapist ad Trauma intervention specialist,
Dpt. of Human Sciences “R. Massa”, University of Milano-Bicocca
Piazza dell’Ateneo Nuovo 1 – 20126, Milano-Italy.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"