Sei detenuti in sciopero della fame contro detenzione amministrativa

IMEMC. L'”Ufficio stampa per i detenuti” ha riferito lunedì che sei prigionieri palestinesi, trattenuti da Israele sotto ordini di detenzione amministrativa arbitrari, senza né accuse né processo, stanno portando avanti uno sciopero della fame, come forma di lotta contro la loro detenzione illegale.

I detenuti chiedono all’autorità carceraria di smettere di trattenerli in base a tali ordini e di rilasciarli o di presentare delle accuse contro di loro, invece di rinnovare ripetutamente la detenzione amministrativa.

Il centro ha affermato che i prigionieri in questione sono Islam Jawarish, Issa Awad, Mahmoud Ayyad, Omar Abu Shkheidim, Anas Shadid e Hasan Shouka.

Ha dichiarato che Hasan Shouka, di Betlemme, ha iniziato il suo sciopero 51 giorni fa, come forma di protesta per la detenzione senza accuse dal 1° ottobre 2017. L’autorità carceraria ha rinnovato la detenzione amministrativa per la terza volta consecutiva, obbligandolo così a dichiarare uno sciopero della fame a tempo indeterminato.

Il detenuto è stato ripetutamente sequestrato ed imprigionato da Israele, passando quasi 13 anni in prigione.

L’ufficio stampa dei detenuti ha dichiarato che anche il prigioniero Islam Jawarish, 29 anni, del campo profughi di Aida, Anas Mahmoud Ayyad, 33 anni, del campo profughi di Deheishe, a Betlemme, e Issa Awad, 30 anni, de Hebron, stanno portando avanti uno sciopero della fame, protestando contro i loro ordini di detenzione amministrativa.

I tre detenuti hanno dichiarato lo sciopero della fame quasi tre settimane fa, dopo che aver trascorso 18 mesi in prigione come detenuti amministrativi, mentre i detenuti Omar Diab Abu Shkheidim, 32 anni, e Anas Ibrahim Shadid, 22 anni, di Hebron, hanno iniziato il loro sciopero circa cinque giorni fa, protestando contro il rinnovo della loro detenzione amministrativa.

Abu Shkheidim è stato fatto prigioniero il 26 dicembre 2017 e ha ricevuto due ordini di detenzione amministrativa consecutivi, ciascuno per sei mesi, mentre Shadid è stato rapito il 14 giugno 2017 e ne ha ricevuto tre consecutivi, di sei mesi ciascuno.

Vale la pena ricordare che Shadid aveva già fatto uno sciopero della fame per più di 90 giorni, prima che Israele accettasse di non rinnovare la sua detenzione amministrativa. Tuttavia, dopo il rilascio è stato nuovamente rapito e imprigionato con la stessa modalità.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

tag: ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"