Settimanale manifestazione pacifista contro il Muro attaccata dalle forze israeliane.

da www.maannews.net

Ieri, venerdì, circa 250 dimostranti palestinesi insieme a pacifisti israeliani e internazionali, a rappresentanti del Parlamento palestinese (Qais Abdel Karim Abu Laila, Munib Awwad e Mustafa Barghouthi), e a membri arabi della Knesset israeliana (Mohammad Baraka e Rafiq Al-Husseini), hanno participato alla manifestazione settimanale contro il Muro di separazione che ha annesso terre appartenenti al villaggio Bil’in, a sud di Ramallah.

10 dimostranti sono stati lievemente feriti durante gli scontri con le forze israeliane. I militari hanno usato bombe acustiche, lacrimogeni e armi per attaccare i pacifisti.

Fonti israeliane hanno affermato che un soldato israeliano è stato lievemente ferito da pietre lanciate contro le forze di occupazione.

Mohammad Baraka, parlamentare alla Knesset, ha dichiarato: "Noi abbiamo organizzato una dimostrazion e pacifica per combattere contro il Muro, ma i soldati ci hanno attaccato e sparato contro".

In un comunicato, Mustafa Barghouthi, parlamentare palestinese, ha dichiarato: "La partecipazione della gente a questa manifestazione, alla vigilia dell’anniversario della ‘Naksa’, del 5 giugno, sottolinea che il nostro popolo è determinato a continuare la lotta per abbattere il Muro e porre fine all’occupazione e agli insediamenti".

Barghouthi  ha aggiunto che l’imponente spiegamento di forze israeliane utilizzate per affrontare i manifestanti "dimostra quanto sia debole l’occupazione al confronto con la determinazione degli indifesi palestinesi che proteggono i loro diritti a mani nude".

Le ambulanze del Soccorso Medico (Medical Relief) sono intervenute per portare aiuto ai feriti e alle persone che avevano inalato gas asfissianti.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"