Shatila, il paese segreto.

Il 14 ottobre presso il PAN, Palazzo delle Arti Napoli, sarà inaugurata,
alle ore 17 l’installazione "Shatila, il paese segreto". Suoni e immagini
a cura di Tania Garibba e Renata Pepicelli, con la partecipazione dei
musicisti Davide Mastropaolo e Leandro Sorrentino, del fotografo Patrizio
Esposito, e del cineasta Marco Pasquini.
L’allestimento è aperto al pubblico dal 14 al 18 ottobre.

Identità Migranti
Oriente Occidente – Europa Islam

PAN | Palazzo delle Arti Napoli
Via dei Mille

Provincia di Napoli
Università degli Studi di Napoli "L’Orientale"
Immaginare l’Europa – Transito Atlantico

Il paese segreto
Shatila
Un luogo dell’esilio

sabato 14 ottobre, ore 17

incontro con gli autori
Tania Garriba (testi e realizzazione) –
Leandro Sorrentino e Davide Mastropaolo (musiche)  –
Patrizio Esposito (polaroid)  – Marco Pasquini (video)

saranno presenti
Isadora D’Aimmo, assessore alla Pace della Provincia di Napoli
Guido Piccoli, giornalista

Il paese segreto
Shatila

"Non ero il solo – hai detto,
– eravamo un intero popolo,
a vivere in paesi segreti."
Elias Khuri, La porta del sole

un progetto di
Renata Pepicelli e Tania Garribba

polaroid di Patrizio Esposito
suono di Davide Mastropaolo
e Leandro Sorrentino – Frame
video e ambiente sonoro
di Marco Pasquini
testi di Tania Garribba

informazioni:
davide mastropaolo 3294211443
tania garribba 3283296666

il progetto

Il viaggio

Questo è un progetto che nasce da più viaggi nei campi profughi
palestinesi in Libano. Tre percorsi paralleli si ritrovano insieme nel
tentativo di dare voce e spazio ai racconti di un paese segreto.
In partenza c’erano solo domande, desiderio di con-prendere, con-partecipare.
Al ritorno ci sono domande ancora, desiderio di con-dividerle.

La traiettoria

Le immagini, i suoni e le parole si incontrano, si sfiorano, per un attimo
si mescolano. Insieme creano un luogo, definiscono uno spazio fisico ed
emotivo. Offrono una traiettoria. Non esiste una regola di fruizione resta
solo ciò che la retina decide di trattenere, ciò che l’orecchio coglie e
poi trasforma in ricordo, in domanda, in curiosità. Nessun uditorio e
nessun pubblico.
Nessun oratore.
Solo pezzi di storie, parziali così come il presente le offre.
Bisbigli. Canti. Paesaggi. Suoni. Ombre.
Una porzione di umanità offre il proprio corpo di luce e di suono, in
tutta la sua ricchezza e vulnerabilità.
Un corteo di ombre venute da una lontananza fa capolino dietro l’angolo.
Appaiono corpi e voci dentro il tempo, nella concretezza del presente.
Un’attualità che si svela senza esibirsi e senza chiedere niente.

Il luogo

Una stanza, un’altra, una casa. No, piuttosto una dimora. Un luogo
percorribile in cui fermarsi o passare. Uno spazio abitato, capace di
evocare, lasciando a chi entra la possibilità di riempirlo a propria
volta.
Entrando il visitatore viene accolto in un ambiente sonoro che richiama la
strada, le voci e i rumori di un paese lontano.
Posti su un tavolo trova una serie di ritratti fotografici.
Attraverso le cuffie ascolta brevi storie entrando così progressivamente
da uno spazio esterno verso uno più intimo e personale. È quasi un
racconto uno a uno.
Una proiezione video occupa il secondo ambiente: i volti si incontrano con
suoni e musiche, le immagini si fanno movimento.

Lo spaesamento

Il paese segreto. Shatila, non è uno spettacolo né una mostra o un evento,
si tratta piuttosto della proposta di spostare sé stessi e il proprio
punto di vista per riuscire a guardare alla guerra, all’esilio, alla
condizione dei palestinesi costretti a vivere da più di cinquant’anni in
paesi segreti. Semplicemente porgere un orecchio, prestare il proprio
sguardo, accogliere un’offerta e scambiare qualche parola in una maldestra
lingua comune.

Renata Pepicelli, Tania Garribba"il paese segreto" installazione su
shatila a napoli

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"