Spiare per Israele è privo di conseguenze

Unz.com. Di Philip Giraldi.(Da Invictapalestina.org). Il miliardario di Hollywood era una spia, un mercante di armi illegale e corruttore di politici.

La  primavera scorsa, scrissi di aver incontrato per caso il nome di Arnon Milchan su un film a pagamento, mentre volavo da Venezia a Washington. Milchan, qualcuno potrebbe ricordare, è un produttore cinematografico miliardario di Hollywood nato in Israele, ben noto per film come Pretty Woman e Bohemian Rhapsody.

È meno noto per il suo ruolo nell’organizzare gli appalti e il trasferimento illegale della tecnologia degli Stati Uniti che ha permesso allo stato ebraico di sviluppare il proprio arsenale nucleare. Lungi dal vergognarsi del suo tradimento nei confronti del paese adottato che lo ha reso ricco e famoso, nel 2011 ha autorizzato e contribuito a una biografia scritta da gost writers, che ha meritatamente intitolato “Confidenziale: La vita dell’agente segreto trasformato in Hollywood Tycoon”. Parti del libro erano in prima persona con Milchan che raccontava la propria storia con le sue stesse parole.

Ero a conoscenza dei crimini di Milchan da un certo numero di anni, proprio come mi ero anche interrogato su come una spia israeliana di spicco che lavorava attivamente e con successo contro gli interessi vitali anti-nucleari statunitensi fosse  riuscita a continuare a mantenere casa e affari a Los Angeles mentre appare regolarmente alle cerimonie di presentazione degli Oscar. Mi chiesi “Perché questo sacco di merda continua a fare film a Hollywood? Perché non è in prigione?” prima di concludere che il governo federale chiaramente considera spiare Israele come un crimine senza vittime, raramente arresta  e quasi mai perseguita qualcuno dei numerosi agenti di intelligence israeliani facilmente identificabili che vagano per il paese.

Milchan era una spia israeliana attiva negli Stati Uniti, che lavorava per la divisione del furto della tecnologia del Mossad denominata LEKEM. Il Mossad usa spesso il cosiddetto sayanim nel suo spionaggio, il che significa ebrei della diaspora che recluta sulla base della religione condivisa o interessati alla sicurezza di Israele. La minaccia proveniente dagli agenti dell’ambasciata israeliana negli Stati Uniti è tale che il Dipartimento della Difesa una volta avvertì che gli ebrei americani nel governo sarebbero stati probabilmente gli obiettivi degli approcci di intelligence israeliana.

Il presidente John F. Kennedy aveva cercato di fermare il programma israeliano di armi nucleari ma è stato assassinato prima che potesse porvi fine. Nel 1965 lo stato ebraico aveva comunque ottenuto la materia prima per una bomba composta da uranio altamente arricchito di qualità militare di proprietà degli Stati Uniti ottenuto da una società in Pennsylvania chiamata NUMEC, fondata nel 1956 e di proprietà di Zalman Mordecai Shapiro, capo della Pittsburgh ramo dell’Organizzazione Sionista dell’America. NUMEC era un fornitore di uranio arricchito per progetti governativi, ma è stato anche fin dall’inizio un fronte per il programma nucleare israeliano, con il suo principale finanziatore David Lowenthal, un leader sionista, che si recava in Israele almeno una volta al mese dove avrebbe incontrato un vecchio amico Meir Amit, che guidava l’intelligence israeliana.

Con l’uranio in mano, il furto della tecnologia avanzata necessaria per costruire un’arma nucleare è il punto in cui Milchan entra nella storia. Arnon Milchan è nato in Israele, ma si è trasferito negli Stati Uniti da giovane e alla fine è stato fondatore di una grande società di produzione cinematografica, la New Regency Films. In un’intervista del 25 novembre 2013 alla televisione israeliana, Milchan ha ammesso di aver trascorso molti anni a Hollywood come agente dell’intelligence israeliana, aiutando a ottenere tecnologie e materiali sottoposti a embargo che hanno permesso a Israele di sviluppare un’arma nucleare.

Milchan, che chiaramente ha ancora interessi commerciali significativi in ​​questo paese come dimostra Bohemian Rhapsody, ha spiegato nella sua intervista che “l’ho fatto per il mio paese e ne sono orgoglioso”. Ha anche detto che “altri grandi nomi di Hollywood erano collegati ai  suoi affari segreti. “È, sicuramente, sorprendente che Milchan ammettesse i suoi crimini in un periodo in cui viaggiava regolarmente negli Stati Uniti e risiedeva in California, ma la sua convinzione nella sua invulnerabilità deriva dal fatto che il governo federale , anche se sapeva della sua attività di spionaggio, non ha agito contro di lui durante i cinquanta anni in cui per lo più residieva negli Stati Uniti.

Tra gli altri successi, Milchan ottenne attraverso la sua compagnia Heli Trading  800 krytons, i sofisticati inneschi per le armi nucleari. I dispositivi sono stati acquisiti dall’impresa di difesa top secret della California MILCO International. Milchan ha reclutato personalmente il presidente di MILCO Richard Kelly Smyth come agente prima di consegnarlo a un altro dipendente di Heli Trading, Benjamin Netanyahu, per la gestione. Smyth è stato infine arrestato nel 1985 e ha collaborato al suo interrogatorio fatto dall’FBI prima di essere condannato al carcere, il che significa che il governo federale sapeva tutto di Milchan e Netanyahu in quel momento, ma non ha nemmeno cercato di intervistarli e alla fine non ha fatto nulla.

Quindi Milchan era una spia israeliana che se l’è cavata e sta ancora facendo soldi con il paese che ha perseguitato. Fine della storia, o no? Il quotidiano di stampa liberale israeliano Haaretz ha recentemente esposto un suo coinvolgimento nella corruzione politica ad alto livello e nella proliferazione nucleare che ha coinvolto il Sudafrica quando quel paese era sotto sanzioni. Haaretz osserva come “… il magnate [di Hollywood] nato [in Israele] ha fatto i suoi soldi reali altrove: in accordi per armi compresi aerei, missili e attrezzature per fabbricare bombe nucleari in cui Israele, e in seguito altri paesi, ne facevano parte. Per fare film non c’è bisogno di capitalismo clientelare, ma per avere successo nel business delle armi, i collegamenti del governo sono obbligatori.”

Milchan è stato coinvolto in un po ‘di polemiche nella stessa Israele, dove la polizia ha consigliato che venga accusato di corruzione connessa con le indagini in corso sulla corruzione del primo ministro Benjamin Netanyahu. Milchan, a quanto pare, ha speso un milione di shekel ($ 250.000) in articoli di lusso che ha dato a Bibi come un quid pro quo per esentare il suo sostanzioso reddito derivato dalle tasse quando è tornato  per vivere in Israele nel 2013-4.

Dimostrando che la corruzione di Milchan era internazionale, l’inchiesta della polizia ha stabilito che nel 2014 Netanyahu ha contattato il Segretario di Stato americano John Kerry per intervenire e ottenere un visto americano a lungo termine per Milchan, che a quel tempo stava affrontando problemi relativi allo stato della sua residenza negli Stati Uniti. Secondo quanto riferito, Milchan ha preso l’accordo andando direttamente a casa di Netanyahu con le consuete scatole di costosi sigari e casse di champagne e ha atteso che il primo ministro tornasse a casa. Quando Netanyahu arrivò, Milchan chiese a Bibi di contattare immediatamente Kerry per chiedere un nuovo visto. E Netanyahu ha fatto proprio questo, sollevando il telefono e componendo il numero. Alla fine, il visto è stato concesso e Milchan ha continuato a fare più film e denaro, a Los Angeles.

La corruzione di Netanyahu è stata ampiamente riportata ma è solo l’ultimo leader israeliano manipolato dal miliardario di Hollywood. Milchan ha anche “stretto amicizia” con Ehud Olmert, Ariel Sharon e Shimon Peres, oltre che con alti funzionari della difesa e leader stranieri del Sud Africa e del Canada. Milchan ha abbagliato i politici con vini e cene, oltre che con doni sontuosi e ha presentato gli israeliani ad altri dirigenti ebrei di Hollywood, tra cui il presidente della Disney Michael Eisner e il co-fondatore di DreamWorks, Jeffrey Katzenberg.

Peres sostiene di aver reclutato personalmente Milchan come spia e, dall’età di 21 anni, Milchan ha usato una famiglia di prodotti chimici come copertura per impegnarsi nelle vendite di armi e tecnologia. Fu dall’inizio coinvolto in acquisti clandestini a sostegno del programma nucleare israeliano.

Milchan divenne anche compratore di armi nei casi in cui il governo israeliano non voleva che gli fossero attribuiti gli acquisti. In tutti i casi, Milchan prese una commissione sulle vendite, da qui l’affermazione che la sua fortuna Hollywoodiana costituisse solo una piccola parte della sua ricchezza. A volte si è ritrovato a comprare armi prodotte dagli Stati Uniti usando il denaro del governo israeliano che proveniva dai contribuenti americani, fornendo assistenza militare e prendendo il suo 10% sulle vendite.

A partire dagli anni ’70, Israele, operando segretamente attraverso Milchan, vendette sistemi di armi al Sud Africa sotto embargo, ricevendo in cambio sia denaro che uranio. Il Sud Africa sapeva come restituire un favore, permettendo a Israele nel settembre 1979 di condurre un test nucleare su un’isola amministrata da Pretoria nell’Oceano Indiano.

L’articolo di Haaretz condanna Arnon Milchan per la sua corruzione dei politici israeliani, il che è abbastanza giusto in quanto è ciò che ci si potrebbe aspettare. Ma c’è anche la parte americana della storia. Per quanto possa essere determinato, Milchan ha ancora il suo visto attivo negli Stati Uniti, una casa a Los Angeles e, a volte, potrebbe persino recarsi nel suo ufficio a Hollywood. È un colpevole minimo della violazione dello Espionage Act, una legge che, si potrebbe notare, è stata usata contro Julian Assange, che può non aver mai cospirato per rubare i segreti americani ma è stato messo sotto accusa per ragioni politiche.
Milchan, per fare un paragone con Assange, è protetto dal solito pensiero Israel-first all’interno della struttura americana. Nessuno sforzo è mai stato fatto per accusarlo o arrestarlo da una serie di presidenti pusillanimi che chiaramente temono di toccare un miliardario ammanicato israeliano di spicco che, come spia, ha inflitto gravi danni agli Stati Uniti.

Nel marzo 2015, Milchan è stato invitato come ospite VIP a Capitol Hill per assistere al famigerato discorso del primo ministro Benjamin Netanyahu prima di una sessione congiunta al Congresso. Neanche un membro del Congresso ha obiettato e sarebbe interessante sapere quale corrotta creatura  del congresso ha sponsorizzato la spia israeliana. Con mio rammarico, non c’era nessun agente Marshall o agente dell’FBI sulla porta in attesa di arrestare Milchan mentre usciva.

 Philip M. Giraldi, Ph.D., è il direttore esecutivo del Council for the National Interest, una fondazione educativa.

Traduzione per Invictapalestina.org di Carmela Ieroianni.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"