Striscia di Gaza, il ministero della Giustizia: stiamo combattendo una guerra legale

Gaza – Infopal. Il sottosegretario al ministero della Giustizia del governo di Gaza, Omar al-Barsh, ha dichiarato ieri che il ministero sta combattendo una “guerra legale” con l’obiettivo di processare i capi dello stato di occupazione israeliano per i crimini di guerra commessi a Gaza durante l’ultima aggressione.

Al-Barsh ha ribadito che la sede del suo ministero ha subito diverse massicce aggressioni da parte degli aerei da guerra israeliani, nelle quali sono state lanciate diverse tonnellate di bombe, che hanno letteralmente appiattito l’edificio con tutto il suo contenuto.
I danni subiti dalle strutture, secondo il ministro, ammonterebbero a 1.813 dollari.

Il sottosegretario ha riferito che il ministero e gli organi legati ad esso, in seguito all’aggressione israeliana, hanno dato il via a un piano programmato contenente una serie di punti, tra cui il proseguimento dai lavori sulle questioni legate alla vita dei civili. Il piano prevede inoltre un luogo alternativo per la ricostruzione dell’edificio distrutto, perché i cittadini capiscano che i lavori non si sono fermati per colpa degli attacchi subiti. Al-Barsh ha aggiunto che questo piano è stato attuato fin dai primi giorni dopo la fine dei bombardamenti.

Su un altro fronte, il ministero, su raccomandazione del ministro Mohammad al-Gul e con il consenso del Consiglio dei Ministri, ha formato una commissione di “documentazione” dei crimini di guerra israeliani, da presentare ai tribunali internazionali per perseguirne i responsabili. Come ha spiegato sempre al-Barsh, la commissione è composta da un gran numero di legali specializzati, che hanno iniziato il lavoro di documentazione subito dopo la fine la guerra.

Egli ha infine riferito che il Ministero ha informato le numerose delegazioni europee, arabe ed islamiche sulla distruzione delle proprie sedi e sui crimini di guerra commessi da Israele contro il popolo palestinese.

Foto: ministero della Giustizia, Gaza City.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"