Striscia di Gaza, l’assedio minaccia la vita di 425 palestinesi affetti da patologie renali

Gaza-Imemc. Il dott. Abdullah al-Qishawi, direttore del reparto nefrologico del Centro medico al-Shifa di Gaza, ha avvertito che la vita di 425 pazienti palestinesi, compresi i bambini, che necessitano di dialisi è a serio rischio a causa dell’assedio e embargo israeliani in corso.

Al-Qishawi ha dichiarato che l’embargo israeliano sta impedendo l’ingresso nella Striscia di Gaza di farmaci e attrezzature essenziali, nonostante i ripetuti e urgenti appelli alla comunità internazionale da parte del ministero della Sanità.

Ha affermato che i pazienti richiedono di regolari sessioni di dialisi, compresi quelli che sono in attesa di ricevere il trapianto del rene, e hanno svolto tutti i preparativi necessari, compresi l’assunzione di farmaci speciali.

Al-Qishawi ha aggiunto che ci sono 54 pazienti che hanno iniziato a ricevere farmaci prima degli interventi programmati di trapianto del rene e ora sono a rischio di gravi complicazioni, incluso il decesso.

Ha affermato che la carenza di farmaci è aggravata dai continui blackout elettrici che incidono sulla qualità delle macchine per dialisi renale, mentre l’assedio israeliano impedisce anche l’ingresso di pezzi di ricambio necessari per mantenerle in funzione. Quando anche una sola macchina smette di funzionare, sono i pazienti che ne subiscono le conseguenze e devono affrontare gravi complicazioni che probabilmente porteranno alla morte.

tag: , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"