Tribunale israeliano solleva divieto d’entrata contro arabi in parco israeliano

Afula-MEMO. Domenica, un tribunale israeliano ha ordinato ad una cittadina prevalentemente ebraica, nel nord di Israele, di revocare il divieto ai visitatori non residenti nei suoi parchi, considerato da un gruppo per i diritti umani come forma di tenere lontano gli arabi.

La cittadina di Afula ha negato che il divieto avesse motivi razziali.

Nell’istruire la cittadina per revocare l’ordine, il giudice Danny Sarfati non ha accusato la municipalità di razzismo, ma ha citato un parere legale del procuratore generale israeliano, il quale ha affermato che i parchi municipali sono proprietà pubblica aperta a tutti.

Il municipio di Afula ha imposto il divieto, un mese fa, bloccando in modo efficace l’accesso al parco ai residenti dei villaggi arabi vicini,  che frequentavano il sito.

“Questo [divieto] aveva davvero l’intenzione di escludere i cittadini palestinesi dall’entrare nel parco”, ha affermato Fady Khoury, un avvocato di Adalah, un gruppo arabo per i diritti umani che ha aperto il processo nel tribunale distrettuale di Nazareth.

Gli avvocati di Afula, una città di 50 mila persone, hanno sostenuto che le restrizioni derivavano unicamente dal desiderio di ridurre il sovraffollamento durante i mesi estivi e di contenere i costi di manutenzione.

“Non litighiamo con la legge”, ha dichiarato Avi Goldhammer, un avvocato della cittadina, dopo la sentenza della corte. “Se la legge permette a tutti di entrare in questo parco, OK”.

I cittadini arabi d’Israele costituiscono il 21% della popolazione e spesso si identificano come palestinesi.

Sabato, le guardie hanno ispezionato le carte d’identità negli ingressi del parco municipale di Afula, dove le famiglie passeggiavano tra i parchi giochi e le aree per animali domestici, oltre agli spazi per fare jogging lungo i sentieri fiancheggiati da bandiere israeliane.

A Sulem, un villaggio arabo vicino, Shua’a Zoabi ha affermato che spesso portava i suoi bambini al parco di Afula.

“Non c’è spazio dove i bambini possano giocare nel nostro villaggio. Gli investimenti pubblici qui sono terribilmente bassi”, ha affermato Zoabi.

Il divieto, ha affermato, era una “restrizione razzista” nei confronti degli arabi, molti dei quali sostengono anche che le loro comunità affrontano discriminazioni in settori come sanità, istruzione e alloggio.

La minoranza araba di Israele è principalmente discendente dei palestinesi che sono rimasti nelle loro comunità o sono stati sfollati durante la guerra del 1948, che ha preceduto la creazione di Israele.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

tag: , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"