Un ebreo estremista assalta la basilica del San Sepolcro.

 Gerusalemme – Infopal. La notte scorsa, un ebreo estremista ha fatto irruzione nella basilica del San Sepolcro, nella città vecchia di Gerusalemme, e ha tentato di aggredire i preti presenti nel piazzale antistante. Ha poi distrutto diverse statue di legno all’interno di un negozio adiacente la chiesa.

I cittadini sono sopraggiunti in difesa della basilica, ma la polizia israeliana è accorsa per impedire lo scontro con gli ebrei estremisti.

Hatem Abdelqader, consigliere del ministro per gli Affari di Gerusalemme, ha dichiarato che l’aggressione è frutto delle "semplificazioni concesse dalle autorità di occupazione agli ebrei estremisti, per aggredire gli abitanti di Gerusalemme e i loro luoghi sacri musulmani e cristiani". E ha aggiunto che l’assalto alla basilica rappresenta l’espressione del "razzismo dei gruppi estremisti nei confronti dei palestinesi, sia musulmani sia cristiani", e rivela "il vero volto dei coloni".

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"