Un insediamento israeliano utilizzerà droni per sorvegliare i palestinesi

MEMO. L’insediamento israeliano illegale di Efrat è il primo ad utilizzare droni per osservare i palestinesi nell’area circostante, secondo il Jerusalem Post. 

Il dispositivo aereo, del costo di 37.000 $, è stato finanziato dall’International Fellowship of Christians and Jews (IFCJ) ed è la prima volta che ai coloni viene dato un equipaggiamento di questo livello per monitorare i palestinesi. Una dimostrazione di questo strumento tecnologico, avvenuta domenica, ha fatto vedere come un piccolo drone nero possa osservare i palestinesi di notte con l’utilizzo di telecamere termiche. 

Il Consiglio dell’insediamento dichiara che il drone è necessario per proteggere i residenti dagli attacchi palestinesi, dopo che un presunto accoltellamento accaduto quest’anno ha ferito una persona senza maggiori conseguenze. 

“Avremo questo drone nel nostro cortile in caso vi siano altri terroristi che vogliano entrare ad Efrat. In questo modo saremo in grado di sollevare il drone nell’aria, fare un fermo immagine della situazione, ottenere una panoramica e dirigere le forze militari e di polizia nel punto esatto dove i terroristi si nascondono” ha detto il direttore del Consiglio, Oded Revivi. 

Tuttavia, accade molto più regolarmente che i palestinesi siano assillati ed assaliti dai coloni e dai militari israeliani, oltre al fatto di essere già svantaggiati per la presenza dell’insediamento. 

Efrat, il quarto più grande insediamento costruito sul territorio privato palestinese, ha una strada per i coloni che i palestinesi possono utilizzare solo durante le ore diurne. La strada isola i vicini residenti arabi dalle terre da loro coltivate.

La scorsa settimana, il gruppo israeliano per i diritti umani B’Tselem ha riportato che i piccoli studenti palestinesi del campo profughi di al-Jalazun nella parte centrale della Cisgiordania occupata, affrontano violenze e disagi a causa della vicinanza della loro scuola all’insediamento israeliano illegali di Beit El. 

Le forze israeliane utilizzano “lacrimogeni, proiettili in metallo rivestiti di gomma e, in alcuni casi, il fuoco”, ha continuato B’Tselem, aggiungendo che i residenti del campo, minori inclusi, “sono stati feriti e uccisi”. 

L’ONG ha anche scoperto che i coloni israeliani hanno attaccato i palestinesi nel villaggio di ‘Einabus situato in Cisgiordania, con l’aiuto dei soldati israeliani, la settimana scorsa. Due palestinesi sono stati attaccati dai coloni dal noto insediamento di Yitzhar, mentre cercavano di farsi strada tra i propri terreni. Una cinquantina di abitanti del villaggio hanno cercato di proteggere le loro terre, seguiti dai coloni accompagnati da soldati israeliani che hanno sparato proiettili e lacrimogeni ai palestinesi. 

Con il drone pronto all’utilizzo ad Efrat, il fondatore e presidente dell’IFCJ Rabbi Yechiel Eckstein ha detto che la sua organizzazione sta pianificando di fornire droni simili alle altre comunità di Israele, incluse quelle sul confine con Gaza. “La sicurezza dei cittadini dello Stato di Israele è una delle aree più importanti di nostra competenza e siamo certi che questo drone aiuterà i residenti, aumentando notevolmente la loro incolumità”, ha aggiunto Eckstein.

Traduzione per InfoPal di M.D.F.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"