Un leader esemplare: Tawfiq Zayyad e la lotta palestinese

Tamir Sorek riporta all’attenzione la vita visionaria e l’opera di questo poeta, legislatore e attivista palestinese.

Per molti, me compreso, l’occupazione israeliana del popolo palestinese durata sette decenni ha semplicemente infranto la loro determinazione e fede nel sogno di una soluzione giusta che riconosca i diritti inalienabili dei palestinesi e degli israeliani. Gli ultimi due decenni sono stati particolarmente pessimisti riguardo a quella visione, con l’ascesa della piattaforma e del governo estremisti di destra di Benjamin Netanyahu che apparentemente hanno cancellato ogni possibilità per il rispetto dei diritti e della giustizia palestinesi.

Per i cittadini palestinesi di Israele (noti anche nel 48’ come arabi) come me, la lotta palestinese è una questione particolarmente disorientante dato lo status che ci è stato imposto dal governo israeliano. La nostra semplice esistenza è piena di contraddizioni e dilemmi, una prospettiva che può alienarci dal processo di pace e persino i compagni palestinesi e arabi in Cisgiordania, Gaza e diaspora.

Tuttavia, ho trovato una risposta al nostro dilemma. In effetti, non è una risposta nuova, si è già presentata e ci guida da decenni. E non è un esso, piuttosto un lui: Tawfiq Zayyad.

Nel suo ultimo libro “The Optimist: A Social Biography of Tawfiq Zayyad“, Tamir Sorek, professore di sociologia presso l’Università della Florida, presenta un’esplorazione approfondita e senza precedenti della vita e dell’opera di Tawfiq Zayyad, uno dei più importanti poeti e leader palestinesi. Zayyad, nato nel 1929, era un leader comunista impegnato e una figura politica dominante all’interno di Israele che incarnava la lotta dei cittadini palestinesi di Israele pur rimanendo impegnato nella più ampia lotta e unità palestinese. Tuttavia, si può dire che più di ogni altra cosa era un ottimista – non ha mai rinunciato alla sua visione di una pace giusta tra palestinesi e israeliani.

Sorek e i suoi assistenti di ricerca, Nareeman Jamal e Mi’ad Hasan, non hanno lasciato nulla di intentato nelle loro ricerche su Zayyad e sul suo impatto irreversibile sulla lotta palestinese e sulla politica israeliana.

Il libro inizia con il primo attivismo di Zayyad negli anni ’50, quando sfidò l’occupazione israeliana e il governo militare ostile sotto cui vivevano i palestinesi in Israele. La sua ferma convinzione in ciò in cui credeva sarebbe diventata una parte inseparabile della sua personalità e del suo attivismo politico.

Uno dei primi, e probabilmente più significativi, esempi del suo carattere risoluto può essere visto in uno degli “episodi più noti della sua vita e un punto di riferimento futuro” (Sorek, 61) – la sua brutale tortura nella prigione israeliana a Tiberiade, dove fu inviato a causa di un discorso tenuto ad ‘Arraba contro il trattamento immorale del governo israeliano nei confronti dei palestinesi in Galilea. Sorek entra nei dettagli estremi riguardo alle orrende torture subite da Zayyad, così come ai semplici, ma potenti, atti di sfida.

“Quando si sedette su una panchina, una guardia carceraria gli ordinò di alzarsi, ma lui rifiutò e due guardie lo costrinsero a stare in piedi mentre lo insultavano. Lo mandarono poi direttamente in isolamento. La sera a Zayyad fu servita una cena a base di pane e acqua, che rifiutò di accettare ”(Sorek, 58). Le guardie lo hanno torturato e picchiato fino a fargli perdere i sensi, poi lo hanno svegliato spruzzandogli dell’acqua, un ciclo che hanno ripetuto numerose volte durante la sua permanenza in prigione. La tortura di Zayyad nella prigione di Tiberiade ha lasciato un segno importante su di lui e ha spesso usato la sua esperienza per mobilitare i cittadini palestinesi di Israele.

Sorek dedica una parte significativa del libro alla poesia di Zayyad. Prima della sua vita come politico alla Knesset, Zayyad era un famoso poeta, noto per la sua “poesia di protesta”. Zayyad si distinse come poeta per le poesie rivoluzionarie che scrisse, che mobilitarono i palestinesi sia all’interno di Israele che in Cisgiordania e Gaza, così come gli arabi di altri paesi. La sua poesia fu riconosciuta e lodata da alcuni dei più importanti poeti arabi dell’epoca, tra cui Mahmoud Darwish, Ghassan Kanafani e Muhammad ‘Ali Taha. Nel suo saggio intitolato “Resistance Literature in Occupied Palestine 1948-1966”, Kanafani “incoronò” Tawfiq Zayyad – insieme a Salim Jubran, Mahmoud Darwish e Samih al-Qasim – come i “poeti della resistenza” tra i palestinesi in Israele. Sorek inserisce con eleganza innumerevoli estratti dalle poesie di Zayyad in tutto il libro, fondando costantemente gli eventi e gli sviluppi discussi nei libri con la poesia di Zayyad.

Oltre ai notevoli successi di Zayyad come poeta, Sorek parla ampiamente anche dei suoi successi politici. Uno dei risultati più profondi di Zayyad fu quello di guidare con successo lo sciopero nazionale del 30 marzo 1976 per protestare contro la confisca delle terre palestinesi da parte di Israele, che ora viene commemorata ogni anno come “Land Day”. Quando il governo israeliano tentò di fermare lo sciopero incontrandosi con i sindaci delle città palestinesi in Israele, Zayyad avrebbe indicato la folla di centinaia di persone che si era radunata all’esterno dell’edificio a sostegno dello sciopero, dicendo: “Non decidi se questo sciopero succede, lo fanno!” Questa fede nel potere delle masse e nella lotta di classe fu profondamente radicata nell’ideologia comunista di Zayyad, seguita con passione.

Zayyad fu sindaco di Nazareth – la più grande città palestinese in Israele – e membro della Knesset per il partito comunista Rakah (in seguito ribattezzato Hadash). In qualità di sindaco, guidò e sostenne l’istituzione dell’annuale Primo maggio, in cui avrebbe tenuto un discorso a migliaia di cittadini palestinesi di Israele, incorporando spesso la sua poesia. Tuttavia, il “fiore all’occhiello della mobilitazione pubblica”, come ha detto Sorek, furono i campi di lavoro annuali che organizzò a Nazareth, che aggirarono la mancanza di fondi del governo israeliano per il comune e costruirono letteralmente interi quartieri a Nazareth. I campi attirarono decine di migliaia di volontari da tutta Israele, dalla Cisgiordania e persino dai paesi del blocco orientale.

Sul fronte nazionale alla Knesset, Sorek spiega che Zayyad fu implacabile nel perseguire i diritti dei palestinesi sia per i cittadini palestinesi di Israele, sia per coloro che vivono sotto occupazione. L’atteggiamento onesto, ma allo stesso tempo feroce, di Zayyad alla Knesset, e il suo rifiuto di tacere sulle ingiustizie commesse contro il popolo palestinese, lo portarono a essere disprezzato dai parlamentari sionisti. Tali confronti erano frequenti e intensi; tuttavia, Zayyad non si tirò mai indietro e non esitò a gridare contro i parlamentari razzisti che condividevano con lui la parola alla Knesset. Come dice perfettamente Sorek, “In uno dei momenti più memorabili nella storia della Knesset, Zayyad gridò con voce soffocata a un gruppo di parlamentari di destra,”Tu sei la pazza destra”, e poi indicò il parlamentare Ze’evi [un ex generale che chiese esplicitamente un “trasferimento” della popolazione araba dal paese], ‘e queste sono le tue palle, ti ho preso per le palle’” (Sorek, 264).

I commenti di Zayyad sopracitati furono fatti all’ombra di quello che è senza dubbio il suo più grande successo nella politica nazionale in Israele. Zayyad guidò i partiti arabi alla Knesset durante il loro sostegno alla coalizione di governo di Yitzhak Rabin durante gli accordi di Oslo, che formarono un “blocco di ostacolo” al fine di prevenire il collasso di Rabin più inclinato a sinistra, blocco pro-pace e l’istituzione di una destra al governo. Tuttavia, Zayyad non sostenne semplicemente il governo di Rabin in cambio di niente. Nella sua tipica, ferma posizione, fornì un ampio elenco di richieste a Rabin in cambio del loro sostegno. La leadership di Zayyad portò i cittadini palestinesi di Israele a esercitare un potere senza precedenti nella Knesset israeliana, che usarono in difesa di tutti i palestinesi.

Un punto importante che Sorek sottolinea nel libro è che Zayyad e il comunismo sono inseparabili. La visione di Zayyad era saldamente radicata nella solidarietà di classe, nell’anticolonialismo e nel cosmopolitismo. Inoltre, Zayyad non esitò a difendere le sue opinioni, rimproverando persino Gamal Abdel Nasser nel 1959 – il leader arabo più popolare all’epoca, e ancora oggi – per aver adottato una posizione anticomunista. La ferma convinzione di Zayyad nell’ideologia marxista plasmò la sua visione di una giusta riconciliazione israelo-palestinese e un costante ottimismo per una partnership congiunta ebraico-palestinese. “Cercava ponti con gli ebrei israeliani a causa della sua fede in un’umanità condivisa, in un’affiliazione di classe condivisa” (Sorek, 282).

Inoltre, Sorek sottolinea spesso la capacità di Zayyad di bilanciare l’ideologia con il pragmatismo. Sapeva come bilanciare la sua fede nella liberazione palestinese, mentre allo stesso tempo giocava all’interno dei confini e dei limiti dell’essere un cittadino israeliano. Un potente esempio che Sorek presenta è durante il campo di lavoro del 1980 a Nazareth, in cui volontari di Nablus e Ramallah portarono e innalzarono bandiere palestinesi. “Nella cerimonia di apertura tre volontari della Cisgiordania sventolarono una bandiera palestinese – dichiarata fuorilegge quello stesso anno dal governo israeliano – di fronte a un visibile contingente della polizia israeliana. Il giornalista israeliano David Halevi, che assistette all’evento, descrisse quanto segue: “Zayyad lascia il palco, corre tra i sedili, salta sopra le persone che gli intralciano e scompare all’interno del raduno attorno alla bandiera. Dopo un minuto, a seguito di una forte discussione, se ne va con la bandiera. Con molta gentilezza e rispetto, piega la bandiera e la passa a un usciere che la porta via” (Sorek, 188). Le azioni di Zayyad, rimuovere la bandiera e piegarla rispettosamente e delicatamente sono un chiaro riflesso di questo approccio pragmatico alla lotta palestinese – come dice Sorek, Zayyad riconobbe “l’importanza della solidarietà palestinese, valorizzandone i simboli, dichiarando anche che ‘c’è tempo e luogo per ogni affermazione simbolica e si dovrebbero considerare le implicazioni pratiche di ogni mossa’”(Sorek, 189).

Il titolo del libro, “The Optimist”, è stato scelto con cura. In tutto il libro, Sorek chiarisce che, indipendentemente dalle circostanze, Zayyad è sempre stato ottimista sul rispetto dei diritti dei palestinesi, della pace e della sua fede nel progresso dell’umanità verso un futuro più giusto e prospero. Zayyad guidò i cittadini palestinesi di Israele in un momento in cui non sapevano cosa fare e nemmeno chi erano. Zayyad li stimolò e instillò un senso di orgoglio e patriottismo nella loro identità palestinese, mentre allo stesso tempo aprì le braccia al partenariato ebraico nella speranza di una pace giusta.

“The Optimist” di Tamir Sorek è assolutamente da leggere. Leggere la storia della vita e del lavoro di Tawfiq Zayyad è particolarmente importante oggi. Mentre scrivo nel 20° anniversario degli eventi dell’ottobre 2000 (noti anche come  “October Ignition”), che hanno avuto luogo 6 anni dopo la morte prematura di Zayyad, dove 12 palestinesi cittadini di Israele e 1 palestinese di Gaza furono assassinati dalla polizia israeliana in una dura repressione contro le manifestazioni, non posso fare a meno di riflettere sulla visione e sull’approccio di Zayyad alla lotta palestinese. La nostra risposta alla nostra lotta è sempre stata davanti a noi.

Traduzione per InfoPal di L.P.

 

tag: , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"