Un palestinese ferito, sei rapiti a Jenin e Gerusalemme

PIC. Giovedì all’alba le forze di occupazione israeliane (IOF) hanno ferito un cittadino palestinese e ne hanno rapiti due a Jenin e altri quattro a Gerusalemme.

Secondo fonti locali, le IOF hanno fatto irruzione e hanno saccheggiato la casa di Shadi Jarrar, nella città di Jenin, e hanno rapito suo figlio Mohammed.

Nel frattempo, sono scoppiati violenti scontri con le IOF vicino alla casa di Jarrar, durante la quale un giovane locale ha subito una ferita da proiettile di metallo rivestito di gomma. Altri hanno anche subito gli effetti dell’esposizione ai fumi di gas lacrimogeni durante gli eventi.

Secondo quanto riferito, uomini armati hanno aperto il fuoco contro i soldati israeliani durante la loro campagna di aggressione nella città di Jenin, ma le IOF non hanno dichiarato se qualcuno dei suoi elementi fosse stato ferito.

Un altro giovane identificato come Mohammed Huwashin è stato fatto prigioniero dopo che le IOF hanno fatto irruzione nella sua casa, nel campo profughi di Jenin.

A Gerusalemme, le forze di polizia israeliane hanno preso d’assalto il distretto di Issawiya, nella parte orientale della città, e hanno rapito quattro giovani dalle loro case.

I detenuti sono stati identificati come Taysir Muhaisen, Nasim Muhaisen, Musaab Muhaisen e Mohammed Abu Rayyala.

Nella città di Gerico, secondo quanto riferito, le IOF hanno aggredito alcuni membri di una famiglia palestinese durante un violento raid nella loro casa. La casa appartiene a Suleiman Abu Rumi.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"