Un’altra settimana di carcere per Ahed Tamimi

PIC e MEMO. Il tribunale militare israeliano di Ofer ha prorogato di altri cinque giorni la custodia cautelare di Ahed Tamimi, la ragazza palestinese di 16 anni che è stata filmata mentre schiaffeggiava un soldato israeliano.

La custodia cautelare della madre di Ahed, Nariman, è stata estesa fino a lunedì. Il giudice del tribunale militare ha ordinato il rilascio del cugino di Ahed, Nour – il terzo membro della famiglia a comparire nel video, oltre a Ahed e Nariman – con un cauzione di 1400 dollari.

Il Pubblico ministero militare, che ha richiesto il rinvio a giudizio per Ahed, Nour e Nariman, ha dichiarato che la procura intende presentare le accuse a ciascuno di loro.

Riguardo al caso di Ahed, il PMM ha citato diversi incidenti, che il suo ufficio sta prendendo in considerazione per formulare le accuse contro la sedicenne, che verranno annunciate la prossima settimana.

In diversi episodi menzionati negli ultimi due anni, Ahed Tamimi è stata accusata di aver lanciato pietre contro i soldati, aggredito, sputato contro ai soldati e aver impedito loro di effettuare un arresto.

I filmati dell’incidente del 15 dicembre nella cittadina di Nabi Saleh, in Cisgiordania, mostrano Ahed e Nour che si avvicinano a due soldati israeliani, prima di spintonarli, prenderli a calci e schiaffeggiarli.

Ahed, la principale sospettata del caso, è stata accusata di “aggressione a un soldato, danni alla sicurezza dell’area, incitamento e altri crimini”, secondo i documenti del tribunale.

Nella sua versione dell’incidente, rilasciata durante un’udienza in tribunale, la settimana scorsa, Ahed ha dichiarato che gli stessi soldati presenti nel video avevano sparato un proiettile di metallo rivestito di gomma alla testa di suo cugino, un’ora prima dei fatti registrati nel filmato. “Poi ho visto gli stessi soldati che hanno colpito mio cugino, questa volta davanti a casa mia. Non potevo tacere e ho risposto”, ha testimoniato la sedicenne.

L’avvocato palestinese Osama al-Saadi e il parlamentare palestinese al Knesset israeliano, Ahmed al-Tibi, che hanno partecipato all’udienza, hanno dichiarato che Ahed e sua madre sono state rapite quattro giorni dopo che il filmato è diventato virale, e che indica le molestie e le repressioni a cui sono state sottoposte per mano delle forze di occupazione.

“Gli israeliani hanno perso la calma a causa di uno schiaffo sul volto di un soldato. Tuttavia nessuno di loro ha prestato attenzione al crimine perpetrato dalle forze militari israeliane che hanno sparato alla testa del parente di Ahed”, hanno aggiunto.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"