Violenza contro le donne: in crescita gli 'omicidi d'onore'.

Lunedì è stato pubblicato un rapporto sulle violenze contro le donne palestinesi, in particolare il cosiddetto "omicidio d’onore". La ricerca va dal 2004 al 2006.

La media di donne uccise per "aver sfidato le norme patriarcali" è passata da 14 casi a 32 in un solo anno: la più giovane aveva 12 anni e la più vecchia 85.

Per 32 casi su 48 si trattava di omicidi d’onore: 30 erano musulmane, di cui 14 nubili, 8 sposate, 6 divorziate e 2 vedove.

La metà delle vittime risiedeva nella Striscia di Gaza, l’altra metà nella Cisgiordania. I villaggi sono testimoni della maggior parte dei delitti contro le donne.

Gli omicidi sono stati perpetrati con coltelli, veleno, soffocamento, armi da fuoco, ecc.

In 17 casi, gli assassini erano i fratelli, in 5 i padri.

I dati non rispecchiano la realtà oggettiva a causa della mancanza di statistiche più dettagliate e diffuse su tutto il territorio palestinese.  

La ricerca è stata pubblicata da un Forum di organizzazioni per la difesa dei diritti delle donne palestinesi.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"