1.157.000 studenti della Cisgiordania e della Striscia di Gaza tornano a scuola

Ramallah – InfoPal. Il ministro dell'Educazione e dell'Istruzione superiore del governo palestinese di Ramallah, Lamis al-'Alami, ha annunciato che 1.157.000 studenti (451.000 dei quali della Striscia di Gaza) tornano quest'oggi sui banchi delle scuole statali e dell'Unrwa, in Cisgiordania, Striscia di Gaza e Gerusalemme occupata.

Quest'anno, tra l'altro, la fine delle vacanze estive è coincisa con la fine del mese di Ramadan.

Il ministro ha spiegato che 768mila studenti frequentano le scuole statali, 260mila quelle dell'Unrwa e 89mila0 quelle private. Le scuole statali sono in tutto 1.999, quelle dell'Unrwa 311 e quelle private 290.

Il Ministero ha fatto costruire 49 nuove scuole nelle province settentrionali per accogliere circa 17.500 studenti, alcuni dei quali iscritti alla prima elementare, mentre altri hanno frequentato le scuole dell'Unrwa o quelle private e adesso s'iscrivono alle superiori.

Il Ministero – ricorda al-'Alami – ha provveduto, sin dall'inizio di marzo, a costruire e arredare 315 classi per venire incontro all'aumento della popolazione scolastica ed ovviare così ai problemi di affollamento. Il ministero, inoltre, ha effettuato lavori di sostituzione delle classi inidonee, oltre alla manutenzione dell'82% delle classi già esistenti, al restauro di 36 ambulatori scolastici, alla costruzione di 16 padiglioni scolastici ed al rifacimento delle infrastrutture di alcune scuole in modo da poter accogliere gli studenti con necessità speciali.

Il Ministero ha poi profuso grandi sforzi per rivedere e migliorare i metodi d'insegnamento, onde cancellare l'analfabetismo e garantire una formazione permanente: al centro dei programmi vi sono pertanto materie quali educazione islamica, grammatica e linguistica, geografia, storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.