1000 minori palestinesi arrestati da Israele nel 2010

Ramallah – InfoPal. I dati aggiornati sulle detenzioni dei minori palestinesi nel 2010 mostrano una concentrazione ad al-Quds (Gerusalemme) e sobborghi.

In totale, i minori palestinesi arrestati sono mille, nella metà dei casi gli episodi sono avvenuti nel distretto summenzionato. Si tratta di ragazzi palestinesi tra i 15 e i 17 anni.

Molti dei minori arrestati a Gerusalemme Est – Silwan, ‘Essawiyah, Abu Dis, ‘Ezariyah, Wadi al-Helwe – avevano anche otto anni d’età.

Nella classifica degli arresti ai danni dei minori, segue al-Khalil (Hebron) dove le accuse riguardano quasi sempre il lancio di sassi contro i coloni israeliani.

Il 95% dei minori palestinesi arrestati è stato sottoposto a maltrattamenti, ma non mancano casi di abusi sessuali, pestaggi e altri metodi di tortura eseguiti nei centri d’interrogatorio presso le colonie. E ancora, raid notturni, confessioni estorte dietro tortura e costrizione a firmare dichiarazioni scritte in lingua ebraica delle quali i minori non conoscono il contenuto.

Un anno fa, i minori palestinesi arrestati erano stati 700.

Sulle pene imposte ai minori: la media oscilla dai due a sei mesi di detenzione con l’imposizione di ingenti multe.

Ad oggi restano nelle prigioni israeliane 350 bambini palestinesi, rinchiusi in strutture carcerarie a Megiddo, Rimonim e ‘Ofer, mentre altri sono distribuiti nei centri di detenzione e per gli interrogatori.

A Silwan, in particolare, processo di ebraicizzazione, demolizioni di abitazioni palestinesi, perquisizioni e istigazioni dei coloni sono alla base degli scontri giornalieri in cui collocare arresti arbitrari e maltrattamenti sui minori palestinesi da parte delle forze d’occupazione israeliane. 

Elisa Gennaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.