120 ettari di terreno donati a Gaza per costruire alloggi per gli ex detenuti

Al-Quds (Gerusalemme) – InfoPal. Un cittadino palestinese ha donato decine di ettari di terreni di sua proprietà per costruire una cittadella destinata ad accogliere i detenuti palestinesi liberati dalle carceri israeliane con l'accordo di scambio.

L'associazione per i diritti umani “Wa'ed”, impegnata nella difesa dei prigionieri e degli ex detenuti, ha reso nota la notizia della donazione fatta da un “benefattore” con circa 120 ettari di lotti di terreni di sua proprietà per costruire il complesso “al-Ahrar” (liberi), destinato agli ex detenuti.

Wa'ed ha riferito di aver ricevuto numerosi contatti da organizzazioni, istituzioni e individui con diverse specializzazioni, con l'offerta di mettere a disposizione degli ex detenuti servizi gratuiti.

Per questo, l'associazione ha espresso la propria soddisfazione per “la solidarietà mostrata da numerosi cittadini di Gaza con la loro umanità e la straordinaria accoglienza riservata ai detenuti liberati”

“Qualsiasi cosa si faccia per gli ex detenuti, non rappresenta che un piccolo contributo di fronte alla loro storica resistenza nelle celle dell'occupazione sionista”.

Sia il governo palestinese di Gaza che l'Autorità di Ramallah (Anp) avevano annunciato di voler destinare somme di denaro ai detenuti liberati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.