150 mila famiglie palestinesi nella Striscia di Gaza vivono sotto il livello di povertà.

Gaza – Infopal. Ahmad al-Kord, ministro del Lavoro e degli Affari sociali, ha dichiarato che gli aiuti ricevuti dai poveri della Striscia di Gaza sono diminuiti a causa del blocco nel trasferimento dei fondi alle associazioni benefiche. A causa di ciò, oltre 150 mila famiglie palestinesi nella Striscia di Gaza vivono sotto il livello di povertà.

Al-Kord e il governo palestinese nella Striscia di Gaza accusano il presidente palestinese Mahmud Abbas e il premier della Cisgiordania, Salaam Fayyad, di "partecipare all’assedio di Gaza" e di "fare la guerra alle associazioni caritatevoli".
Durante una trasmissione televisiva, il ministro ha chiesto ai paesi arabi e islamici e al resto del mondo di "intervenire per aiutare un milione e mezzo di palestinesi che vivono al di sotto del livello di povertà".

E ha aggiunto: "Il numero di indigenti nella Striscia di Gaza è triplicato: da 50 mila a 150 mila. Come si fa a dare aiuto a tutte queste persone? In occasione del mese di Ramadan abbiamo lanciato diversi progetti per alleggerire la sofferenza dei cittadini: abbiamo applicato il programma di distribuzione di aiuti veloci a 20 mila lavoratori, per il valore di 2 milioni di dollari".

Al-Kord ha poi spiegato che sono stati creati circa 5000 posti di lavoro al mese per disoccupati, e che il governo della Striscia sta collaborando, nonostante le difficoltà, con le associazioni benefiche internazionali, arabe ed islamiche, per la distribuzione di aiuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.