4 Brigate palestinesi di Nablus lanciano un appello per la fine degli scontri interni.

Ieri, quattro gruppi militari palestinesi hanno promosso una conferenza stampa congiunta a  Nablus per lanciare un appello alle fazioni affinché rispettino gli accordi di Mecca e pongano fine al ciclo di violenze intestine.

Hanno partecipato le Brigate Al-Aqsa, al militare di Fatah; le Brigate Al-Qassam, di Hamas; Le Brigate Abu Ali Mustafa, del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina e le Brigate Al-Quds del Jihad islamico.

I combattenti si sono detti "sconvolti" per gli scontri "tra fratelli che condividono la stessa sofferenza".

Il leader delle Brigate Al-Aqsa a Nablus, Mahdi Abu Ghazala, ha letto una dichiarazione congiunta in cui le quattro brigate affermano: "Rigettiamo assolutamento qualsiasi tentativo di allargare il cerchio delle violenze versando benzina sul fuoco. Chiediamo a coloro che hanno a cuore gli interessi palestinesi di porre fine al conflitto e di non dare mai più ai sobillatori la possibilità di uccidere e opprimere".

E hanno chiesto al presidente Mahmoud Abbas e al premier Ismail Haniyah di "esercitare sforzi seri per porre fine al bagno di sangue palestinese".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.