7.342 palestinesi uccisi da Israele in dieci anni

Ramallah – InfoPal. “Negli ultimi dieci anni, oltre 7mila palestinesi sono stati uccisi durante offensive e aggressioni delle forze d'occupazione israeliane”.

Il Centro di statistica palestinese ha rilevato 7.342 uccisioni tra il 29/09/2000 e il 31/12/2010.

A fine 2009, il numero dei caduti palestinesi era di 7.235, 2.183 dei quali Cisgiordania: 2.059 uomini e 124 donne.
Nella Striscia di Gaza ne sono stati uccisi 5.015: 4.601 uomini e 414 donne.
Le altre vittime erano residenti in Israele (Territori palestinesi occupati nel '48).

L'anno 2009 è stato l'anno più drammatico in termini di perdite di vite umane con 1.219 palestinesi uccisi. Nel 2002 erano 1.192 e 107 nel 2010.
Tra questi ultimi il Centro ha incluso pure le nove vittime turche a bordo della Freedom Flotilla, uccise nell'assalto dei commando israeliani.

Sugli arresti: dal 1967 l'esercito d'occupazione israeliano ha sequestrato circa 750mila palestinesi. 12mila sono state le donne e decine di migliaia i bambini.

Il dato viene commentato aggiungendo che “non esiste famiglia palestinese che non abbia vissuto il dramma dell'arresto”.

Ad oggi, restano oltre 6mila detenuti e prigionieri palestinesi nelle carceri dell'occupazione israeliana, tra di essi anche cittadini arabi di altre nazionalità.
820 stanno scontando uno o più ergastoli, 37 sono le prigioniere e 245 i bambini che costituiscono il 4,1% del totale dei prigionieri palestinesi.
136 sono in una prigione israeliana da oltre 20 anni e 41 coloro che hanno superato i 25 anni di detenzione. Quattro palestinesi sono detenuti da Israele da oltre 30 anni.

Dall'inizio dell'Intifada al-Aqsa, il 28 settembre 2000, Israele ha arrestato oltre 70mila palestinesi: 8mila bambini e 850 donne, due delle quali, al momento dell'arresto, erano incinte e sono state costrette a partire in carcere.
Ma anche deputati ed ex ministri palestinesi sono stati arrestati e sono in una prigione israeliana.
Le detenzioni amministrative (senz'accusa e prorogabili ad oltranza, ndr) sono state oltre 20mila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.