8.875 palestinesi arrestati in Cisgiordania dal 7 ottobre

Cisgiordania – MEMO. Con la detenzione di 20 palestinesi da parte dell’Esercito israeliano tra sabato sera e domenica mattina, il numero di arresti in Cisgiordania è salito a 8.875 dal 7 ottobre.

Questi numeri sono stati forniti in una dichiarazione congiunta rilasciata dalla Commissione per gli Affari dei Detenuti e degli ex-detenuti e dal Club dei Prigionieri palestinesi. Le organizzazioni hanno riferito che: “Il numero totale di arresti dal 7 ottobre ha superato gli 8.875”.

Secondo i due organismi: “Le Forze di occupazione israeliane hanno arrestato almeno 20 cittadini della Cisgiordania da sabato sera a domenica mattina, compresi bambini ed ex-prigionieri”.

Gli arresti sono stati effettuati nei governatorati di Betlemme, Hebron, Ramallah, Gerusalemme, Nablus e Jenin “accompagnati da estese incursioni e abusi, nonché da atti di vandalismo e distruzione nelle case dei cittadini”.

Parallelamente alla guerra a Gaza, i coloni israeliani hanno intensificato gli attacchi contro i palestinesi in Cisgiordania. Anche l’Esercito israeliano ha intensificato le sue operazioni, causando la morte di 518 palestinesi, il ferimento di circa altri 5 mila e numerosi arresti.

(Foto: soldati israeliani trattengono una palestinese per strada mentre coloni ebrei organizzano un tour provocatorio della Città Vecchia sotto la protezione di soldati israeliani a Hebron, Cisgiordania, il 25 maggio 2024 [Wisam Hashlamoun/Anadolu Agency]).