A 63 anni dalla Nakba, Israele controlla l’85% della Palestina storica

Ramallah – InfoPal. Dati statistici ufficiali e aggiornati a fine 2010 sono stati pubblicati dal Centro di statistica palestinese per presentare una panoramica della popolazione palestinese, in occasione del 63° anniversario della Nakba (Catastrofe palestinese) del 1948, che si commemora il 15 maggio.

Nel 1948 circa 800mila palestinesi furono cacciati dai territori oggi conosciuti come Israele. Ripiegarono in Cisgiordania, nella Striscia di Gaza e verso i Paesi arabi limitrofi. Da allora vissero sotto lo status di rifugiati.

Usando l'arma del terrorismo, nel corso della cacciata del '48, gli israeliani presero il controllo di 774 villaggi e cittadine palestinesi, ne distrussero 531, e 70 operazioni si conclusero il massacro di 15mila palestinesi.

Realtà demografica. Da allora, il numero dei palestinesi sparsi ovunque nel mondo è aumentato di otto volte. I palestinesi che oggi risiedono nella Palestina storica, ovvero il territorio entro i confini che furono rilasciati al mandato britannico, è di 5milioni e mezzo. Gli ebrei sono 5,7 milioni mentre si prevede un pareggio entro il 2014.

Si prevede anche una presenza ebraica al 48,2% entro il 2020, quando gli ebrei saranno 6,7 milioni contro 7,2 milioni di palestinesi. 

La percentuale della popolazione che vive all’interno dei Territori occupati come rifugiato è del 44%. I profughi palestinesi registrati presso l’Unrwa sono 4,8 milioni (43,4%).

Sul totale della popolazione palestinese sparsa nel mondo, il 60,4% vive in Giordania, Siria e Libano, 16,3% in Cisgiordania e il 23,3% nella Striscia di Gaza. 

Circa il 29,4% dei profughi palestinesi vive sparso tra 58 campi: 10% in Giordania, 9% in Siria, 12% in Libano, 19% in Cisgiordania e otto per cento nella Striscia di Gaza.

Nel rapporto si ammette che i dati non riflettono fedelmente la realtà, molti profughi infatti, non sono registrati e si include le varie ondate di esodo dal 1949 fino alla vigilia della guerra del 1967.

I palestinesi che nel 1948 rimasero in patria erano circa 154mila, mentre oggi, 63 anni dopo quella catastrofe, sono circa 1,36 milioni. Il rapporto è di 102,2 uomini su 100 donne.

Nel 2007, i palestinesi in Israele erano d’età inferiore ai 15 anni per il 40,6%, mentre il 3,2% aveva oltre 65 anni. Dal dato si evince che la componente palestinese è giovane e in continua crescita.

Le stime a fine 2010 indicavano la presenza di 4,1 milioni di palestinesi: 2,5 milioni in Cisgiordania e 1,6 milioni nella Striscia di Gaza. 386mila palestinesi sono residenti a Gerusalemme.

Il 62,1% della popolazione palestinese vive nelle zone in Cisgiordania occupate e poi annesse da Israele nel 1967.

Si delinea un’alto tasso di natalità tra i palestinesi: 4,2 nascite in media: 3,8 in Cisgiordania e 4,9 nella Striscia di Gaza.

Striscia di Gaza: la zona più densamente popolata al mondo. Sempre a fine 2010, la densità di popolazione nei Territori palestinesi occupati è di 682 persone per kmq: 450 in Cisgiordania e 4.279 nella Striscia di Gaza. 

Il dato in Israele (tra palestinesi ed ebrei) è di 357 abitanti per km2.

I coloni israeliani vivono in maggioranza nell’area di al-Quds (Gerusalemme). A fine 2010, in Cisgiordania sono state rilevate 470 colonie israeliane. Nel corso dell’anno sono sorti sette nuovi avamposti coloniali, con 141 postazioni annesse.

A Gerusalemme, i coloni vivono sul 23,7% del totale della terra palestinese occupata con le proprie colonie. Nel 2009, in Cisgiordania vivevano 517.774 coloni israeliani.

Il 51,6% dei coloni vive a Gerusalemme: sul un totale di 267.325 coloni, 201.273 vivono a Gerusalemme Est occupata.

In Cisgiordania il rapporto è il seguente: 21 coloni su 100 palestinesi, mentre la percentuale più alta riguarda Gerusalemme, dove abitano 71 coloni ogni 100 palestinesi.

Gli ebrei controllano l'85% del territorio. La popolazione ebraica è il 49,4% del totale della popolazione della Palestina mandataria. Essa controlla l’85% del territorio.

Durante il mandato britannico la componente ebraica era il 6,2%, mentre i palestinesi erano il 47,9%. Allora gli ebrei vivevano sul 15% del territorio che si estendeva su una superficie di 1.682 km2.

Vi erano poi arabi cristiani – coloro che l'occupazione israeliana avrebbe definito in seguito “privi di religione”. Il 2,7% di essi vive nei Territori palestinesi occupati da Israele nel 1948.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.