A decine di migliaia manifestano sostegno al governo Hamas. Energica oratoria di Haniyah.

Dal nostro corrispondente.

Oggi, venerdì di preghiera e di Ramadan, decine di migliaia di sostenitori di Hamas si sono riuniti nello stadio di Yarmouk, nella centro della città di Gaza a sostegno del governo palestinese. 

Il primo ministro palestinese Ismail Haniyah si è rivolto loro con una retorica energica e veemente, ed è stato molto applaudito. Ad un certo punto si è sentito male ed è stato soccorso, riprendendosi poco dopo.

Le foto del leader di Hamas in esilio in Siria, Khalid Misha’al, erano proiettate sugli schermi vicino a quelle di Haniyah, mentre sembra che mancassero quelle del presidente Abu Mazen.

Il premier ha accusato alcuni partiti nazionali e internazionali di essere coinvolti nell’imposizione dell’assedio ai palestinesi, e nelle "ingiuste e inique sanzioni Usa".

Haniyah ha affermato che "non ci imporranno le loro posizioni", e ha aggiunto che il governo attuale è frutto di elezioni democratiche, ed è legittimo. "Siamo stati scelti per il programma di resistenza che abbiamo presentato al popolo palestinese. Non siamo arrivati con tank militari o con la coalizione di Israele e degli Usa".

"Il nostro governo ha legittimità araba e islamica, ma sin dall’inizio abbiamo subito molti tentativi di boicottaggio e di attacco. Ci è stato imposto l’assedio e i valichi sono spesso chiusi. Ci sono merci bloccate nei porti israeliani, e abbiamo assistito a un’escalation massiccia di azioni militari israeliane e di arresti, oltre ad assassinii mirati".

E ha aggiunto: "Siamo passati attraverso molte fasi, compresi gli scioperi e le manifestazioni anti-governative. La prossima è l’adozione del Documento dei Prigionieri". Inoltre, "la società palestinese è quasi sull’orlo del collasso e, tra scioperi, illegalità e disordini, è quasi già stato compiuto un colpo di stato contro il governo".

Il premier si è domandato che cosa abbia a che fare la mancanza di salari con i violenti disordini scoppiati in queste settimane, e ha aggiunto che il governo rispetta la democrazia: "Non abbiamo imprigionato nessuno a causa delle sue opinioni o perché è un nostro oppositore".

Haniyah ha aggiunto che il governo ha accettato che il denaro per i dipendenti pubblici, erogato da donatori internazionali, venga accreditato attraverso la presidenza – come è già accaduto per i parziali pagamenti degli stipendi degli ultimi mesi.

E ha sottolineato di essere impegnato al meglio perché il dialogo sulla formazione di un governo di unità nazionale abbia successo; per ciò che concerne la liberazione del soldato israeliano Gilad Shalit, il premier ha affermato che verrà liberato solo attraverso uno scambio di prigionieri.

Per quanto concerne i disordini interni, Haniyah ha aggiunto che ha chiesto al ministro degli Interni di fare di tutto per porre fine al caos e all’illegalità e per garantire la sicurezza ai cittadini, e per portare di fronte alla giustizia tutti coloro che hanno commesso assassinii.

Haniyah ha concluso la sua orazione invitando i leader di Fatah e di Hamas a incontrarsi e porre fine alla guerriglia interna, e il presidente Abbas a recarsi a Gaza per proseguire il dialogo nazionale verso il governo di unità nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.