Abbas, disposti a dialogare con Israele ma non con Hamas.

Dialogo con Israele, sì. Dialogo con Hamas, no.

Il presidente dell’Autorità Nazionale palestinese, Mahmoud Abbas, ha nuovamente rimarcato il rifiuto a dialogare con il movimento di resistenza islamica – Hamas, ma ha ribadito la disponibilità a negoziati di pace con Israele.

Con Hamas non intende avere nulla a che fare fino a quando questo manterrà "il controllo illegale della Striscia di Gaza", anche se è proprio Hamas ad aver vinto democratiche elezioni.

Durante una conferenza stampa svoltasi questa mattina a Ramallah, Abbas ha dichiarato che "c’è il desiderio e l’intenzione di indire nuove elezioni".

La conferenza è stata organizzata dopo l’incontro tra Abbas, Yossi Beilin, e responsabili di Meretz, un partito della sinistra israeliana.

Per quanto riguarda la possibilità di trovare una soluzione al conflitto con Israele, il presidente dell’Anp ha affermato: "Dovremmo raggiungere una formula finale e, durante una fase successiva, penseremo a come metterla in atto. Ma prima di tutto, dobbiamo risolvere i problemi tra noi e raggiungere un accordo riguardante lo status finale delle questioni fondamentali".

Abu Mazen ha sottolineato che gli accordi dovranno comprendere il ritiro israeliano entro i confini del 1967, uno Stato palestinese con Gerusalemme come capitale, e che la questione dei rifugiati dovrà essere risolta "in un modo giusto e equo".

E ha aggiunto che tra le priorità c’è il rilascio del prigioniero Marwan Barghouthi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.