Abbas: prima riunione del Comitato, poi incontro con Mitchell

Ramallah. L'inviato speciale Usa in Medio Oriente George Mitchell non riceverà alcuna risposta dalla leadership palestinese quando incontrerà il presidente Mahmud Abbas: è la promessa fatta da Abbas stesso, e riferita dal suo portavoce Abu Rudaineh.

 

In una dichiarazione di ieri, Abu Rudaineh ha infatti spiegato che Mitchell dovrà attendere che il Comitato esecutivo dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp) si riunisca sabato: solo allora gli potranno essere comunicate le condizioni alle quali i negoziatori palestinesi procederanno nelle trattative.

 

Abu Rudaineh ha quindi affermato che Mitchell vedrà Abbas sabato notte o domenica mattina per ascoltare la sua posizione ufficiale al riguardo.

 

Durante la riunione di sabato, è previsto che Abbas mostri agli altri leader una lettera che Abu Rudaineh ha dichiaratamente ricevuto dal presidente Usa Barack Obama, e nella quale lo stesso Obama promette la fondazione dello stato palestinese.

 

Mitchell ha già incontrato i leader israeliani giovedì, subito dopo il suo arrivo nella regione, che segna il suo nuovo tentativo di lanciare i negoziati indiretti e condurre a un accordo di pace.

 

Rimangono tuttavia alcune controversie, tra cui la necessità di garantire che Israele mantenga la sua promessa di fermare l'espansione delle colonie in Cisgiordania (Gerusalemme compresa) per tutta la durata dei colloqui.

 

I partiti palestinesi di sinistra hanno intanto condannato il ritorno al tavolo delle trattative, ritenendo che il sostegno della Lega araba e la vaga promessa sulle colonie fatta attraverso i media formino un terreno instabile su cui fondare il futuro del progetto nazionale palestinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.