‘Abbas teme che i disordini egiziani si riversino in Cisgiordania

Ramallah – Pal-Info. L'Autorità nazionale palestinese (Anp) è preoccupata dall'eventualità che le rivolte in Egitto possano avere una qualche influenza sulla scena palestinese, dando luogo ad un cambiamento nell'atttuale situazione politica. Lo hanno dimostrato già diverse realtà che ad essa (all'Anp) si oppongono apertamente.

Proprio di questo, il presidente dell'Anp, Mahmoud 'Abbas, avrebbe discusso incontrando gli apparati di sicurezza e il premier Salam Fayyad. La notizia è stata riportata da “Al-Hayat”, quotidiano la cui redazione ha sede a Londra, citando alcuni ufficiali dell'Anp.

Questi avrebbero confidato che i timori dell'Anp risiedono nell'ipotesi di una trasformazione della situazione economica e di sicurezza oltreché dei rapporti di potere in Palestina.

L'eruzione della violenza sul campo, aprirà la scena ad un ritorno di Hamas in Cisgiordania.
A detta di questi dirigenti, il presidente 'Abbas, invece, avrebbe dato chiare disposizioni per reprimere le manifestazioni di ostilità all'occupazione dal momento che creerebbero le condizioni favorevoli ad una riemersione di Hamas in Cisgiordania.

Nel frattempo, gruppi creati su Facebook, inneggianti alla caduta di Mahmoud 'Abbas, avrebbero già raccolto migliaia di palestinesi.
Queste realtà denunciano il coordinamento in materia di sicurezza tra Anp e forze d'occupazione israeliane, la politica di persecuzione dei movimenti di resistenza e l'aver compromesso gravemente la terra e il diritto al ritorno dei profughi palestinesi.

Tra questi vi è il gruppo “The Palestinian Revolution to Remove the Abbas Authority” nel cui primo comunicato si può leggere: “La volontà di produrre un cambiamento in Palestina rispecchia l'istanza di milioni di cittadini, i quali chiedono la formazione di una leadership nazionale palestinese che faccia gli interessi del popolo”.

La campagna comunque non inneggia alla violenza, bensì mette in allerta il presidente 'Abbas affinché non ignori le richieste popolari palestinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.