Abitanti di Gerusalemme fanno fallire un tentativo di colonizzazione sul Monte degli Olivi

 
Gerusalemme – Infopal. Mercoledì 9 febbraio, alcuni abitanti di Gerusalemme hanno fatto fallire un tentativo israeliano di impadronirsi di terreni adiacenti alla ‘colonia’ di Beit Orot, all’ingresso del quartiere di at-Tur, sul Monte degli Olivi, allo scopo di allargare il suddetto insediamento sionista.
 
Testimoni affermano che i residenti palestinesi hanno affrontato i coloni impedendo loro di completare l’aggressione alle terre palestinesi.
Hatim ‘Abd el-Qader, che si occupa della “questione Gerusalemme” per Fatah, ha affermato: “Le terre di cui i coloni volevano appropriarsi sono registrate a nome di famiglie residenti gerosolimitane, tra cui la famiglia al-Qadmani”. Egli ha poi avvertito i coloni dal non ripetere l’aggressione, poiché i residenti palestinesi faranno fronte ad ogni nuovo tentativo di questo tipo.
‘Abd el-Qader ha poi aggiunto che si è “messo in contatto con i proprietari delle terre soggette a queste razzie, per cui già da oggi verranno presi dei provvedimenti giudiziari affinché eventi simili non abbiano a ripetersi”.

Egli ha poi affermato che “l’autorità israeliana competente per i parchi e i giardini pubblici tenta di appropriarsi di vaste porzioni di territorio nelle due aree del Monte degli Olivi e di Sawana per farne un ‘giardino erbraico’”.

Infine, l’esponente di Fatah ha sottolineato ancora che la proprietà di tutti questi terreni è regolarmente registrata, infatti i loro proprietari sono in possesso di tutti i documenti ufficiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.