Abu Zaid: Israele intende scambiare la ricostruzione di Gaza con la liberazione di Shalit

<!– /* Font Definitions */ @font-face {font-family:Tahoma; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:swiss; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:1627421319 -2147483648 8 0 66047 0;} /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-parent:””; margin:0in; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} p.ecmsonormal, li.ecmsonormal, div.ecmsonormal {mso-style-name:ec_msonormal; margin-top:.75pt; margin-right:0in; margin-bottom:16.2pt; margin-left:0in; mso-pagination:widow-orphan; background:white; font-size:10.0pt; font-family:Tahoma; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} @page Section1 {size:8.5in 11.0in; margin:70.85pt 56.7pt 56.7pt 56.7pt; mso-header-margin:.5in; mso-footer-margin:.5in; mso-paper-source:0;} div.Section1 {page:Section1;} –>

Cisgiordania – Infopal. Karin Abu Zaid, rappresentante dell’UNRWA, l'agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati della Palestina, durante la visita di ieri al detenuto liberato, on. Husam Khader, membro del CLP, residente nel campo profughi di Balata, a est di Nablus (Cisgiordania), ha affermato che Israele non permetterà l’ingresso di materiale per la ricostruzione della Striscia di Gaza prima della liberazione del soldato Gilad Shalit, prigioniero dal 2006 nella stessa Gaza. 

L’obiettivo della visita di Abu Zaid è stato anche quello di conoscere da vicino le condizioni molto difficili dei campi profughi palestinesi in Cisgiordania: l’UNRWA necessita infatti di 630 milioni di dollari l’anno per garantire servizi sanitari, istruzione e aiuti alimentari ai profughi, e quello di Balata è il campo più grande dell’area. 

Da parte sua, Khader ha dichiarato che la visita di Abu Zaid – la prima a Balata – ha una grande importanza, specialmente dal momento che l’UNRWA ha diminuito gli aiuti ai profughi, in seguito alla decisione da parte di alcuni Paesi donatori di tagliare le donazioni all’agenzia delle Nazioni Unite, destinandoli invece all’ANP di Abu Mazen.

A ricevere la Abu Zaid, oltre all’on. Khader, c’erano Taisir Naser, membro del Consiglio Nazionale Palestinese, e diversi responsabili del comitato di difesa dei profughi nel campo di Balata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.