Adolescente palestinese agli arresti domiciliari

Al-Khalil (Hebron) – Imemc. Un 13enne palestinese è stato condannato a cinque mesi di arresti domiciliari in base all'accusa di aver lanciato pietre contro i soldati israeliani in Cisgiordania.

Il ragazzo, Karem, era stato arrestato nella città di al-Khalil alla fine di settembre, e ha passato sei giorni nel carcere di Ofer, come ha riferito un sito web citato da Press TV. È stato quindi condannato agli arresti domiciliari a casa di suo zio e non gli è nemmeno permesso di andare a scuola.

Il nonno di Karem ha affermato: “Se ritengono che lui abbia violato il fermo nei suoi confronti, rischierà di andare in prigione insieme a suo zio, che ha pagato la cauzione, e noi non vogliamo correre questo pericolo”.

Secondo la nonna, inoltre, la salute mentale di Karem sarebbe stata già intaccata dai giorni passati in carcere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.