Aggiornamenti dal convoglio Lifeline5 (Viva Palestina): domenica, partenza per el-Arish

A cura dell'ISM.

Press conference delle ore 11: Kevin Ovenden fa il punto della situazione. Dopo l’ok formale delle autorità egiziane si va definendo il quadro dell’operazione di trasferimento del convoglio dal porto siriano di Latakya al porto egiziano di El Arish. Il traghetto che effettuerà il trasporto è già partito dalla Grecia.

L’imbarco a Latakya è previsto per domenica mattina. Essendo un traghetto veloce, il percorso dovrebbe essere compiuto in circa 18 ore. Durante il viaggio è prevista una sosta sul punto in cui la Mavi Marmara è stata attaccata nel maggio scorso dalle unità navali israeliane, per rendere omaggio alle 9 vittime. La nave sarà certamente affiancata e tenuta sotto controllo da unità della marina israeliana, ma le probabilità che possa ripetersi una azione violenta sono minime. A scoraggiare una tale azione sarà prima di tutto la presenza a bordo di molti rappresentanti e corrispondenti dei media di tutto il mondo.

In ogni caso gli attivisti adotteranno esclusivamente e tassativamente forme di difesa passiva, senza lasciare spazio a nessuna provocazione. Una volta arrivati al porto di El Arish il trasferimento al valico di Rafah e l’entrata a Gaza dovrebbe essere rapido e avvenire entro la sera di lunedì 18 ottobre.

Gli egiziani non hanno posto vincoli alla permanenza del convoglio a Gaza, ma tenuto conto del contesto e della situazione, è opportuno non gravare troppo sulla ospitalità dei palestinesi. La permanenza quindi non sarà prolungata oltre tre giorni e giovedì 21 gli attivisti dovrebbero dirigersi all’aeroporto del Cairo per fare ritorno ai loro paesi di origine.

A Gaza il primo compito sarà la consegna di tutti gli aiuti umanitari. E’ prevista una cerimonia in cui la terra raccolta sulle tombe delle vittime turche della Mavi Marmara sarà utilizzata per piantare alcuni ulivi, in ricordo di quelle vittime.

Altri dettagli verranno forniti nei prossimi meeting.

Questo pomeriggio, al capo profughi di Lattakya, è prevista una cerimonia. Nel compound che ci ha ospitato per 14 giorni verranno piantati 5 alberi di ulivo, uno per ognuno dei 5 continenti presenti nel convoglio VivaPalestina 5. Ricordiamolo ancora una volta: 380 attivisti di 30 diversi paesi (fra i quali 40 reduci della Mavi Marmara), 147 veicoli, aiuti umanitari per 5 milioni di dollari.

Domani, sabato 16 ottobre, si svolgerà una grande cerimonia di saluto ed è annunciato l’arrivo da Beirut di George Galloway.

Latakya, venerdì 15 ottobre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.