Aggressività degli attacchi israeliani sulla Striscia di Gaza e uso di armi sperimentali

di 'Abdel Ghani ash-Shami 

Gaza – InfoPal. Le zone a nord della Striscia di Gaza sono costantemente sotto il tiro israeliano e i laboratori bombardati nella catena di attacchi aerei sferrati ieri, 9 febbraio, erano stati già colpiti in passato. 

Tuttavia, l'incendio divampato nel magazzino di scorte di medicinali e attrezzature medico-ospedaliere è stato particolarmente violento e devastante. Le fiamme si sono propagate velocemente e tutti i cittadini, in attesa che giungessero i pompieri e la difesa civile, hanno contribuito a domarlo con mezzi di fortuna. 

L'operazione è durata diverse ore, durante le quali i danni registrati oggi hanno dimostrato che, nonostante siano stati allertate tutte le forze competenti, a Gaza non si dispone dei mezzi sufficienti per far fronte agli attacchi israeliani. 

I palestinesi della Striscia di Gaza assediata sono abituati a questo tipo d'interventi, ma diverse persone hanno raccontato che quello di ieri è stato tra gli incendi più aggressivi che hanno dovuto contenere. 

Le abitazioni vicine sono state danneggiate, le finestre e altri infissi sono andati in frantumi, e tutti hanno descritto un'esplosione di particolare intensità. I numerosi crateri dei siti bombardati sono molto profondi. 

Ieri, aerei da guerra israeliani hanno sganciato i missili ad una distanza ravvicinata, tutti in aree densamente popolate. 

Non è il primo episodio, tra quegli recenti, in cui i cittadini della Striscia di Gaza raccontano di segni post-attacco diversi che danno adito al sospetto che Israele stia facendo uso di nuove armi, probabilmente di nuova sperimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.