AI COLLEGHI DI RAINEWS24: perché non vi occupate della Freedom Flotilla anziché continuare ad attaccare INFOPAL.IT?

Stimati colleghi di Rainews24,

perché continuate ad attaccare la nostra redazione e non vi occupate invece della Freedom Flotilla, la flotta umanitaria internazionale diretta a Gaza?

Lo sapete che partiranno ben 9 imbarcazioni – cargo e passeggeri – e che a bordo ci saranno 600 persone da vari Paesi europei? Ne faranno parte pure decine di parlamentari.

Non è una notizia?

Avete seguito altre marce pacifiste, altre manifestazioni per i diritti umani. Avete dato la diretta dalla marcia Perugia – Assisi. Perché allora non vi occupate anche di questa? E' una marcia via mare. Mare internazionale e mare di Gaza.

Lasciate invece lavorare in pace noi! Siamo l'unica agenzia di notizie dalla e sulla Palestina. Abbiamo corrispondenti locali, inviati, fotografi, redattori specializzati in arabistica e storia. Giornalisti specializzati, categoria rara…

Il vostro servizio, ultimo, in ordine di tempo, http://www.rainews24.it/it/canale-tv.php?id=19349 , mescola sapientemente anti-sionismo e anti-semitismo. Due cose ben diverse. Lo sapete?

Noi NON attacchiamo gli Ebrei, ma raccontiamo FATTI sulla situazione in Palestina.

Sì, noi parliamo di PULIZIA ETNICA dei palestinesi e dei crimini di guerra commessi nei loro confronti da Israele. Ma siamo in ben più nota e onorata compagnia: quella dello storico, ebreo (!), israeliano Ilan Pappe (leggetevi la “Pulizia etnica della Palestina”, ed. Fazi), e del giudice ebreo sudafricano Richard Goldstone, autore del noto e omonimo Rapporto.

Anche loro sono ANTISEMITI?

Ma sapete che il termine “semita” è una definizione linguistica? E' usato per definire lingue imparentate tra loro all'interno di una stessa grande famiglia linguistica: Arabo, ebraico, siriaco, aramaico, ecc.

Tutte lingue che noi Orientalisti-Arabisti abbiamo studiato all'Università. Tutte insieme.

Niente a che vedere con ideologia, politica, razzismo o altro.

Solo gli ebrei sono semiti? No. Anche gli Arabi tutti, Palestinesi compresi. Informatevi bene, prima di prendere per valida qualsiasi fonte.

Noi non siamo ANTISEMITI, ma neanche anti-ebraici, semplicemente compiamo il nostro dovere di giornalisti specializzati e raccontiamo FATTI non balle.

L'accusa che ci muove il servizio di Rainews24, attraverso la collega e i suoi ospiti, infatti, non regge. Quando lei, ad un certo punto, chiede a Gatti di parlare di Infopal, questi risponde che nel sito “non c'è un utilizzo di stereotipi anti-ebraici classici, ma attraverso la demonizzazione dello stato ebraico, si trasforma Israele in una sorta di ebreo delle nazioni”.

Che bell'equilibrismo dialettico! Complimenti. Dal niente nasce niente.

Vogliamo far notare alla redazione di Rainews24 che per rispetto della deontologia professionale, prima di mandare in onda attacchi screditanti nei nostri confronti, i colleghi avrebbero dovuto telefonarci e rivolgerci qualche domanda.

Ci sembra evidente una violazione della Continenza formale, laddove, con sottinteso sapiente, si accosta in modo suggestionante Infopal a siti, immagini, dichiarazioni realmente razziste.
Possiamo capire che ormai la verità giornalistica è un'utopia, una chimera, e che non essere embedded con la Israel Lobby (leggete pure “The Israel Lobby”, di due noti antisemiti, John Mearsheimer e Stephen Walt) è difficile quanto nei secoli bui dell'Inquisizione lo era dissociarsi dai Tribunali e dai Roghi, ma un modesto, timido tentativo di rispetto di quelle regole di deontologia che noi tutti conosciamo, be', almeno questo ce lo saremmo aspettato.

La Redazione di Infopal.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.