Al-Barghouthi: 'L'arresto dei politici in Cisgiordania è un massacro contro la democrazia palestinese. La comunità internazionale punisca Israele e non le sue vittime, i palestinesi'.

Il ministro dell’Informazione e portavoce ufficiale del governo, dott. Mustafa Al-Bargouthi, questa mattina ha espresso la propria condanna per il sequestro di diversi deputati, del ministro della pubblica istruzione, Nasreddin Ash-Shaer, e di diversi sindaci della Cisgiordania avvenuta all’alba di oggi da parte delle forze di occupazione israeliane.

In un comunicato stampa, di cui il corrispondente di Infopal.it ha ricevuto copia, Al-Barghouthi ha dichiarato che l’arresto da parte delle forze di occupazione del ministro, dei deputati, dei sindaci e di trenta personalità della società palestinese elette democraticamente, rappresenta un "massacro contro la democrazia palestinese, un’aggressione contro l’Autorità nazionale, la presidenza, il governo, il parlamento palestinesi, e contro le organizzazioni della società civile".

E ha aggiunto: "Ciò che ha fatto oggi Israele è una guerra globale contro il popolo palestinese, che richiede una reazione nazionale e di tutti per affrontare i piani israeliani che vogliono ostacolare le organizzazioni dell’Autorità nazionale. I crimini israeliani hanno assunto diverse forme: bombardamento continuo contro Gaza e l’assedio ingiusto contro il nostro popolo".

E ha chiarito che "Israele sta effettuando una guerra globale contro il nostro popolo palestinese, e intende colpire la sua unità nazionale rappresentata dalla formazione del governo di coalizione. Il sequestro dei deputati e dei ministri rappresenta un altro tentativo di impedire il lavoro delle organizzazioni del popolo palestinese".

Ha sottolineato infine che l’operazione di arresti contro i politici palestinesi "avviene mentre il popolo si sta sforzando di formulare una tregua globale e reciproca. Israele ha risposto continuando a bombardare Gaza, arrestando i deputati. Ciò indica che vuole attirare l’area nella spirale della violenza, da come si deduce dai preparativi in corso volti a un’ampia operazione".

Il ministro Al-Barghouthi ha invitato la comunità internazionale a "fermare i crimini israeliani nei territori palestinesi, e a punire Israele per le sue violazioni delle leggi internazionali, invece di punire la vittima portando avanti l’assedio contro il nostro popolo".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.