Al-‘Esayi: Israele da imputare per l’arresto dei parlamentari

Gaza – Infopal. Il presidente della Lega dei parlamenti arabi, shaykh Ahmad Bin Mohammad al-‘Esayi, ha invitato a imputare il governo israeliano per l’arresto dei parlamentari palestinesi, e ha sollecitato a proseguire gli sforzi per sollevare la questione a livello ufficiale e portare alla luce questo crimine che, secondo le sue parole, è contrario a tutte le leggi e alle convenzioni internazionali e dimostra mancanza di rispetto verso l’immunità parlamentare.

Al-‘Esayi, durante un collegamento telefonico con Mushir al-Masri, presidente della Campagna internazionale per la liberazione dei deputati rapiti, ha sottolineato la necessità di criminalizzare la politica israeliana arbitraria nei confronti dei rappresentanti del popolo palestinese – in carcere da più di tre anni – , e di adoperarsi per sollevare la loro questione a livello internazionale e fare in modo che vengano rilasciati.

Lo shaykh ha quindi espresso la sua piena disponibilità a sostenere la causa e stare al fianco dei politici in prigione, esortando la Lega a seguirlo nella sfida.

Da parte sua, al-Masri ha apprezzato il ruolo attivo svolto dalla Lega stessa nel lottare per la causa palestinese in generale, e per la questione dei deputati in carcere in particolare. Il presidente della Campagna ha inoltre espresso la speranza che a favore di questi ultimi si muovano sia l'Unione Europea che i paesi arabi, la prima esercitando ogni forma di pressione e denunciando Israele ai tribunali internazionali, i secondi formando un'opinione pubblica che riconosca la criminalità delle azioni israeliane e condanni la palese violazione dei valori umani e dei diritti democratici palestinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.