Al-Husayni: su Gerusalemme, battaglia decisiva contro l’occupazione sionista.

Ramallah – Infopal. Il dott. Rafiq al-Husayni, capo del gabinetto della presidenza palestinese, ha dichiarato l’altro ieri: “Ci troviamo impegnati in una battaglia decisiva con l’occupazione, e la questione di Gerusalemme, la città storica che rappresenta un punto d’incontro tra musulmani e cristiani, è la più delicata da affrontare”.

Durante una conferenza, organizzata dalla direzione politica nazionale sotto il patrocinio del presidente Mahmud ‘Abbas, al-Husayni ha chiarito che l’arma con cui s’intende combattere Israele è un’arma culturale: “Per questo abbiamo dichiarato Gerusalemme capitale della cultura araba, per partecipare al confronto mediatico col nostro patrimonio storico. Gerusalemme è di proprietà dei palestinesi e di tutti gli arabi, ed è simbolo del perdono: non accettiamo che non resti araba”.

Il membro di al-Fatah ha anche confermato che la Resistenza palestinese si è sì intensificata, ma a causa dell'aumento delle violenze israeliane. Ha quindi chiarito che sono in corso tentativi reali per espellere il più alto numero possibile di abitanti di Gerusalemme per fare posto alle colonie israeliane: all’inizio, la politica sionista era quella di circondare la città d’insediamenti, mentre ora la colonizzazione è penetrata all’interno.

Secondo al-Husayni, tuttavia, il governo israeliano teme un’eventuale soluzione all’espulsione dei gerosolomitani arabi, che potrebbe essere proposta dalla comunità internazionale quando questa sarà venuta a conoscenza di quanto sta effettivamente accadendo nella Città Santa. A questo proposito, ha riferito di un progetto israeliano di ebraicizzazione dell’area entro il 2020, che punta a ridurre il numero di abitanti arabi dal 37% al 25% tramite sfratti e ripopolamenti, con quella che al-Husayni ha definito una “guerra per l’esistenza” nella città di Gerusalemme. Una guerra, ha assicurato il capo gabinetto, che vedrà la sconfitta dei piani sionisti.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.