Al-Khudari e Ging: 'L'apertura dei valichi commerciali è vitale per la realizzazione dei progetti a Gaza'

Gaza – Infopal. Jamal al-Khudari, presidente del Comitato popolare contro l'embargo, si è incontrato con John Ging, direttore esecutivo dell'Unrwa a Gaza.

I due hanno discusso dettagliatamente della situazione a Gaza, alla luce delle ultime dichiarazioni israeliane concernenti un “alleggerimento” dell'embargo (materiali da costruzione richiesti dagli enti internazionali).

Sia al-Khudari che Ging hanno constatato che la situazione a Gaza è rimasta immutata, poiché l'embargo c'è ed i valichi sono chiusi, per cui quanto serve all'Unrwa per i suoi progetti di ricostruzione non entra in quantità sufficiente.

Ging ha poi affermato: “La nostra missione principale è alleviare le sofferenze di chi è sotto embargo, e dare un po' di libertà e di vita dignitosa a costoro”.

 

Egli ha aggiunto che “numerosi progetti sono fermi a causa dell'embargo e delle politiche israeliane: tra questi la costruzione di scuole dell'Unrwa e l'ampliamento di quelle già esistenti, però i materiali che vengono fatti entrare non bastano…”.

Al-Khudari ha sottolineato che l'embargo verrà debellato solo a quattro condizioni: apertura di tutti i valichi commerciali senza eccezione; ingresso di ogni tipo di merce, tra cui i materiali da costruzione e le materie prime; apertura del 'corridoio di sicurezza' tra Gaza e la Cisgiordania; apertura del 'corridoio idrico' col mondo esterno”.

Ha poi aggiunto che i progetti locali e la ricostruzione non potranno essere realizzati se non con l'apertura completa di tutti i punti di frontiera. Infine, ha sottolineato l'importanza delle flottiglie pacifiche che trasportano aiuti per il popolo assediato della Striscia di Gaza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.