Al-Khudari: ‘I risultati della visita di Ban Ki Moon a Gaza sono fallimentari: i palestinesi si attendevano di più’

Gaza – Infopal. Il deputato e presidente del Comitato popolare contro l'embargo, Jamal al-Khudari, ritiene che la visita a Gaza del segretario generale dell'Onu, Ban Ki Moon, abbia deluso le aspettative di un milione e mezzo di palestinesi, i quali si attendevano azioni concrete per porre fine all'embargo israeliano.

Al-Khudari ha affermato: “Il popolo palestinese si aspettava di più da lui, per cambiare la situazione a Gaza e far finire l'embargo, ma le sue dichiarazioni non fanno ben sperare”.
 
“Ban Ki Moon non è entrato nell'argomento dei profughi causati dall'aggressione, di coloro le cui case sono state distrutte, i cui campi sono stati devastati… di quelli che sono rimasti mutilati… di chi ha dovuto chiudere le fabbriche a causa del divieto d'ingresso del carburante… dei disoccupati… della crisi nel settore dell'elettricità… dei valichi chiusi… di tutti i progetti fermi… della difficile situazione sanitaria… e di tutte le conseguenze disastrose dell'embargo”.

Al-Khudari ritiene che il patrocinio di Ban Ki Moon ad un progetto edilizio dell'Unrwa a Khan Younis riguardante 150 unità abitative sia ben poca cosa rispetto ai progetti, ormai fermi, concernenti 2.200 unità abitative in tutta Gaza fermi però da quattro anni a causa dell'embargo.

150 unità abitative sono infatti già pronte di fatto dal 2006, e mancano solo dei passi finali per renderle abitabili, ma a causa di problemi causati dagli occupanti ciò non è stato possibile.

Ban Ki Moon, inoltre, non è entrato nel merito di decine di progetti internazionali per il miglioramento delle infrastrutture, delle reti idriche e fognarie, ma anche edilizi ecc.

Al-Khudari sottolinea pertanto che la cosa più imbarazzante è che Ban Ki Moon non ha parlato della crisi nel settore edilizio a Gaza causata da chi ha distrutto le case durante l'aggressione, malgrado egli abbia incontrato, all'inizio della sua visita, decine di famiglie senzatetto nel nord di Gaza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.