Ancora arresti politici per i membri di Hamas

Betlemme – Ma'an. Le forze israeliane hanno arrestato oggi un membro di Hamas del Consiglio legislativo palestinese (Clp) proveniente dalla città cisgiordana di al-Khalil (Hebron).

Il deputato agli arresti è Hatem Qafaish, eletto nel 2006 nel blocco “Cambiamento e riforma” (che rappresenta Hamas al Clp) e finito in manette dopo che le forze israeliane hanno saccheggiato la sua abitazione, come ha riferito una fonte locale a Ma'an. Qafaish aveva già conosciuto la detenzione amministrativa dal 6 novembre 2007 al suo rilascio nel 2009.

Insieme a lui è stato fermato anche il giornalista palestinese Raed ash-Sharif, che lavora per una stazione radio di Hebron.

Secondo l'organizzazione “Ad-Damir per il sostegno e i diritti umani dei detenuti”, Qafaish era già stato incarcerato ben cinque volte da Israele. Nel gennaio 2006 venne eletto al Clp dopo aver condotto la campagna elettorale dalla sua cella.

Il parlamentare fu anche uno dei 400 attivisti che Israele deportò a Marj az-Zuhur, Libano meridionale, nel dicembre del 1992. Tornato in Cisgiordania l'anno seguente, raccontò l'esperienza del suo esilio in una serie di articoli pubblicati sul giornale Al-Quds. Aveva intenzione di raccogliere le sue parole in un libro di memorie, ma il manoscritto venne confiscato dai carcerieri.

Nelle prigioni israeliane sono rinchiusi attualmente sei deputati di Hamas, arrestati poco dopo la vittoria elettorale del movimento islamico. In seguito alla cattura del soldato israeliano Gilad Shalit nel giugno del 2006, Israele lanciò infatti una campagna di arresti nei confronti dei parlamentari del movimento, nel tentativo di far liberare il soldato.

Una seconda campagna prese il via nel 2009, durante il governo Olmert, dopo che Israele, Hamas e una mediazione tedesca avevano fallito nel raggiungere un accordo sullo scambio di prigionieri. A molti dei deputati arrestati veniva assegnata la detenzione amministrativa, mentre altri finivano direttamente in prigione. La maggior parte di loro è stata rilasciata tempo dopo.

Dall'inizio del 2010 sono stati liberati diversi membri di Hamas, tra cui Muhammad Abu Their. Subito dopo, però, l'uomo è stato però nuovamente arrestato, dopodiché gli è stato revocato il diritto di residenza a Gerusalemme e consegnato un avviso di deportazione. Attualmente si trova ancora agli arresti, nell'attesa che la Corte suprema israeliana esamini il suo caso.

Abu Their è uno dei tre parlamentari di Hamas che rischiano la deportazione dalla città.

Come ha chiarito un avvocato a Ma'an, tutti i precedenti legali prevedono l'immunità per i deputati in carica. Israele, sostiene lo stesso avvocato, ha violato questa norma legale sia incarcerando i membri del Clp, sia facendo approvare in seno alla Knesset leggi che annullano l'immunità dei parlamentari israeliani e palestinesi, con il pretesto di dover individuare dei presunti nemici dello Stato.

Alle elezioni del 2006 furono trentuno i detenuti candidati nelle varie liste, e quindici di loro divennero deputati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.