‘Andiamo a Gerusalemme, martire della moltitudine’. Gli egiziani dedicano questo venerdì di preghiera alla Palestina

Il Cairo – InfoPal. In Egitto, la giornata è iniziata con la preghiera dell'alba che il “Gruppo in marcia”, realtà organizzata da attivisti egiziani in solidarietà con il popolo palestinese e la campagna della Terza Intifada, ha voluto dedicare proprio alla Palestina e al Diritto al Ritorno.

Circa tremila manifestanti si sono ritrovati nella centrale piazza Tahrir e, dopo l'ora di preghiera, alla folla si sono uniti numerosi egiziani di fede cristiana.
L'intento è quello di dirigersi verso il valico di Rafah, nel nord della penisola del Sinai, per avvicinarsi alla frontiera con la Striscia di Gaza.

Il ministero dell'Interno egiziano ha invitato i promotori dell'iniziativa ad essere prudenti chiedendo loro di cambiare programma. Le relazioni con Israele sono instabili.

La marcia verso Gaza è una delle tante iniziative promosse dai palestinesi sparsi nel mondo, i quali, lanciando la Terza Intifada su Facebook, hanno invitato la gente a raggiungere le frontiere della Palestina occupata e riaffermare così il “Diritto al Ritorno”.

Nella sola moschea egiziana di Nour al-'Abasiyah, si sono contate seimila presenze durante la preghiera. Tutti hanno preparato striscioni e hanno cantato slogan per “riscattare la Palestina e dirigersi verso Gerusalemme”.

In quella di 'Amer bin al-'As, duemila fedeli hanno seguito il sermone dello Shaykh Mohammed Jibriyl, chee ha chiesto di marciare per la liberazione della Palestina.

L'unità nazionale e la sicurezza per il popolo palestinese è quanto hanno chiesto a gran voce i presenti nei vari luoghi di raduno in Egitto.

“Per andare tutti insieme a Gerusalemme, la martire della moltitudine”, si sono ritrovati attivisti della rivoluzione egiziana, quelli del fronte islamico, dei comitati popolari e numerose personalità indipendenti.

I manifestanti hanno anche rivolto un appello al popolo egiziano: “scongiurare i tentativi di far precipitare il Paese in un conflitto su base confessionale”, come era stato già denunciato giorni fa, quando si era addossata questa responsabilità allo Stato israeliano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.